PLANETARY BATMAN, Night On Earth di Warren Ellis e John Cassaday

//PLANETARY BATMAN, Night On Earth di Warren Ellis e John Cassaday

PLANETARY BATMAN, Night On Earth di Warren Ellis e John Cassaday

Planetary-Batman - Night on Earth 000 Cover ITAPlanetary è un’organizzazione di archeologi dell’impossibile il cui scopo è quello di scoprire la storia del mondo. Il team di Planetary è composto da tre individui dotati di poteri eccezionali: Jakita Wagner, dotata di grande forza e rapidità; Drummer, in grado di controllare i dispositivi elettronici e percepire qualsiasi informazione di tipo digitale; e Elijah Snow, la cui peculiarità è l’essere in grado di estrarre il calore da qualsiasi corpo. La graphic novel è basata sull’idea che il nostro mondo non sia l’unico, ma che esistano diverse versioni dell’universo, per precisione ne esistono 196833.Planetary-Batman - Night on Earth 027 L’esistenza del multiverso ha reso possibile non solo proporre versioni alternative e sotto certi aspetti completamente rivisitate di altri personaggi come Sherlock Holmes o Tarzan, ma ha permesso la creazione di delle vere e proprie storie indipendenti come questa Planetary Batman dove gli archeologi dell’impossibile giungono a Gotham City.

Warren Ellis mostra varie versioni alternative di Batman tra cui quella del Cavaliere Oscuro e quella della serie degli anni settanta, oltre che la versione originale del 1940. C’è un Batman giustiziere, un Batman collaboratore della polizia, un Batman che non è né l’uno, né l’altro, ma comunque sia appare sempre come un folle che vuole fermare i vari criminali e consegnarli alla legge in modo tale da non consentire che essi si trasformino in dei mostri come lui.

Planetary-Batman - Night on Earth 014  Planetary-Batman - Night on Earth 025

La squadra Planetary vuole John Black perché il padre del ragazzo fu uno dei pochi sopravvissuti di Città Zero, il centro di sperimentazione segreto Planetary-Batman - Night on Earth 022dell’esercito Americano dove furono condotte anche ricerche di tipo genetico allo scopo di creare una super razza. I tre agenti vogliono scoprire quali informazioni ha ricevuto John dal padre e soprattutto di quali poteri sia dotato. John Black, nel frattempo, ha provocato la morte di alcuni innocenti e si nasconde proprio aPlanetary-Batman - Night on Earth 033 Gotham City, nella zona di Crime Alley (il luogo dove furono uccisi i genitori di Bruce Wayne). Il potere di John è quello di riuscire a far ruotare i vari universi, in pratica si può spostare da un mondo all’altro e ciò gli procura una terribile crisi esistenziale, la sua mente non riesce ad adattarsi alla cosa e viene praticamente stravolta.

Nel tentativo di sfuggire John trasporta sé stesso, il team Planetary, gli omicidi che ha commesso ed una parte di città in un’altra Gotham, una Gotham dove esiste l’uomo pipistrello. Batman che vuole assicurare John alla giustizia della Gotham del suo mondo ha uno scontro con Jakita Wagner, scontro interrotto più volte dai cambianti di mondo provocati da John. Ed in ogni mondo compare una diversa versione di Batman, il giustiziere folle, il collaboratore della polizia, il cavaliere oscuro.

Ad un certo punto è Batman ad avere la meglio ed a catturare John, il quale ha in comune con Bruce la perdita dei genitori e in una sua visione John riesce a rivivere, tramite un flashback, l’esperienza di dolore provata dal Bruce ragazzino. E quello è proprio il suo dolore. Le parole dell’uomo pipistrello calmano il ragazzo, Jakita riesce a convincere Batman a consegnare loro il ragazzo. La donna tranquillizza Batman circa il fatto che John pagherà per i suoi omicidi nel loro mondo. Confido che facciate la cosa giusta, le risponde Batman, perché questa è sempre la mia città e se devo, io vi troverò.

A proposito di Gotham City… “vecchia quanto New York, fondata sulla costa est da massoni inglesi fatti di oppio… inasprita dai locali architetti bevitori di assenzio. In pratica non adatta alla presenza umana…

Planetary-Batman - Night on Earth 042

By | 2017-08-01T21:20:10+00:00 dicembre 31st, 2015|FUMETTI|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment