THE ASTONISHING, Dream Theater

//THE ASTONISHING, Dream Theater

THE ASTONISHING, Dream Theater

ast_1“The Astonishing”, il tredicesimo album dei Dream Theater, non è solo un disco, ma è una vera e propria rappresentazione fantascientifica in due atti, che, per rafforzare l’enfasi necessaria ad alcuni passaggi della storia e dare alla narrazione un alone leggendario, si avvale d’una orchestra: la filarmonica di Praga. In un mondo nel quale il Male domina sul Bene, “The Great North Empire Of Americas”, in un mondo governato con brutalità e ferocia da un uomo solo, un tiranno, le persone comuni, costrette a sopravvivere, hanno dimenticato completamente la musica. Nessuno più suona strumenti, nessuno più intona canzoni. Le uniche produzioni musicali vengono create artificialmente da delle macchine. Si tratta, quindi, di suoni robotici, senz’anima, inquietanti, creati per ricordare, ogni giorno, al popolo, il suo stato di precarietà, impotenza e sottomissione. Le temibili macchine, con cui l’imperatore mantiene l’ordine e seda qualsiasi tentativo di ribellione, sono i NOMACS. È questo lo scenario che fa da contorno a questo racconto fantascientifico e fantasy che narrano i Dream Theater. La storia è descritta tramite un narratore e ben otto diversi personaggi, ai quali James Labrie presta una versione differente della propria voce.

Un lavoro, forse, troppo dispersivo per un’epoca, la nostra, nella quale l’utente medio non compra dischi, si limita ai suoi file Mp3, a qualche rapido ascolto sulle piattaforme web e soprattutto non ha né il tempo,ast_8 né la voglia, né l’abitudine di ascoltare un intero album, figuriamoci di farsi trasportare in un mondo futuristico, nel Grande Impero del Nord ,attraverso ben 34 canzoni. Nonostante le diverse sonorità di cui è composta quest’opera, l’orchestrale, la melodica, la metallica, l’elettronica, ciò che riesce a dare uniformità e tenere coese le canzoni, oltre ovviamente il filo della storia, è la mastodontica intelaiatura rock progressive costruita dalla band.

ast_5Il disco presenta due introduzioni: la prima “Descent Of The Nomacs” è puramente artificiale, è la musica del futuro, l’unica musica che possono ascoltare le persone sottomesse dal Grande Impero, una musica creata dai robot in maniera asettica, senza alcuna passione e senza nessun coinvolgimento emozionale. Non è l’unico brano di questo tipo, ogni volta che, accanto al titolo della canzone, compare il simbolo dei NOMACS, si tratta di un brano non umano, una musica dell’impero. Il secondo brano “Dystopian Overture” è l’inizio vero e proprio del disco, suonato perfettamente dalla band, richiama le più classiche atmosfere strumentali dei Dream Theater, con la chitarra, il basso e le tastiere che sembrano giocare a rincorrersi tra loro, questa overture distopica è il primo contatto con la cupezza, la negatività, la crudeltà che si respirano nel grande impero, esse ti si ast_7attaccano addosso e non ti lasciano più. Il terzo brano, uscito come primo singolo, “The Gift Of Music”, è il primo brano cantato, meno pesante dell’overture precedente e molto più melodico, con venature più commerciali e radiofoniche. Questa canzone ha l’obbiettivo di dare informazioni all’ascoltatore sul mondo in cui è stato trasportato: siamo nella città di Ravenskill, il narratore accenna ad un mondo oltre le pagine del tempo, nel quale contano solo la malvagità, la corruzione, la lussuria e l’avidità. Una parte limitata della popolazione, quella che detiene il potere, prospera, mentre gli altri, la maggioranza silenziosa e repressa, sono umiliati e vivono alla giornata. La parola passa quindi ad Arhys, uno dei protagonisti, nonché capo della resistenza, il quale accenna al fatto che nessuno ha più tempo e voglia di dedicarsi alla musica, nessuno ne è più capace, finché non compare Gabriel, un uomo,ast_10 un messia, che rappresenta la loro speranza di cambiare le cose, di abbattere l’impero. Gabriel, dotato di eccezionali doti canore, diviene la loro unica e sola ragione per continuare a lottare e a credere nella rivoluzione. La parola, quindi, non può che passare a Gabriel, che nella canzone successiva, “The Answer”, una ballata cupa e malinconica, espone la paura che prova per il grande ruolo che gli è stato affidato, è consapevole della fiducia che è stata riposta in lui, del fatto che la gente crede che lui sia il liberatore, ma si sente inadatto e insicuro. Questa sua apparente debolezza lo fa apparire umano, in un mondo fatto di metallo e segnali elettrici, questa non è affatto una cosa scontata.

“A Better Life” sposta l’azione nella base operativa dei ribelli ed è di nuovo Arhys a parlare come leader della milizia di Ravenskill. Il brano ha influenze tipicamente metal, Arhys, rivolgendosi ai suoi, afferma che ast_6il momento è giunto, ritroveremo finalmente la libertà, nella vita o nella morte. Ma ciò non importa, chi, come è capitato a lui, ha visto tanti amici soffrire e morire di fame, chi ha perso la propria moglie, è disposto a perdere anche la vita. È lei, assieme al piccolo Xavier, a dare ad Arhys la forza per continuare la sua crociata. La morte della moglie non è stata vana, il suo ricordo vive in lui e fa sanguinare ogni giorno il suo cuore addolorato.

“Lord Nafaryus”, negativa e tagliente, ma allo stesso tempo sinfonica e quasi recitata, presenta lo spietato Nafaryus, l’imperatore, che paragona la rivoluzione in atto ad un semplice sussurro. Come possono quegli stupidi mettersi nelle mani d’un uomo solo, d’uno stolto? Nafaryus decide di incontrarlo, ast_14incontrerà questo fantomatico salvatore. È Gabriel, il Dio che dice di essere? Credo che vedremo, sì, vedremo. E con lui, all’incontro, ci sarà tutta la sua famiglia: Arabelle, l’imperatrice, che è tutto il suo mondo, la figlia Faythe, più splendente di tutti i tesori della sua corona e lo spietato figlio Daryus. Nel brano successivo “A Savior In The Square”, una canzone epic metal, siamo nella piazza di Ravenskill, l’imperatore e suo figlio Daryus, comandano, nel silenzio di una folla affascinata ed intimorita, a Gabriel, di mostrare loro di cosa è capace, di fargli sentire la sua voce. Davanti agli occhi del giovane Gabriel compare un angelo, è Faythe, la figlia dell’imperatore. E così in “When Your Time Has Come”, un brano molto leggero, con sfumature pop, Gabriel fa sentire di cosa è capace, liberate il vostro cuore, lasciatevi il dolore alle spalle, gettate via i fardelli che offuscano la vostra mente. In questa vita fugace potrebbe capitarci di perdere la strada, di sentirci completamente smarriti, perché le ore che precedono l’alba sono sempre le più buie della notte, ma è quello il momento in cui io sarò al tuo fianco. La canzone termina con le parole commosse di Faythe, cresciuta con un grande vuoto dentro, insicura, insensibile, estranea a casa propria. Il discorso liberatorio di Faythe prosegue nella ballata sinfonicaast_12 seguente, “Act Of Faythe, dove la ragazza mostra ammirazione per quelle persone che, nonostante tutte le sofferenze loro inflitte, trovano la forza ed il coraggio di riunirsi in una piazza, hanno fede, sperano in giorni migliori. Lei, invece, chiusa nelle mura del suo palazzo, era solita chiudersi nel suo rifugio personale, una stanza segreta con un lettore musicale, in cui poter evadere e volare lontano. Ma adesso la ragazza sa, ha scoperto qual è la sua strada.

“Three Days”, tre giorni sono quelli che Nefarious da ai ribelli perché gli consegnino il loro falso messia. Dovrai prostrarti innanzi a Nefarious, minacciano le guardie imperiali, dovrai inginocchiarti e pregare il suo perdono. Avete tre giorni per terminare la vostra insurrezione per sempre, altrimenti perderete tutti la vita, Ravenskill diventerà un inferno sulla Terra, brucerà, sarà annientata pietra per pietra. Il giorno del giudizio è prossimo, Gabriel potrà evitarlo? Ne saprà uscire vivo?

ast_13Dopo un altro brano artificiale, “The Hovering Sojourn”, è la volta di “Brother, Can You Hear Me?”, altro brano epico in cui Arthys e i ribelli rinnovano la loro fede in Gabriel. Noi cantiamo la canzone della libertà. La rivoluzione non è priva di errori, gli risponde Gabriel, pagheremo un prezzo per ogni nostra scelta. Qualcuno perderà e qualcuno vincerà, ma non abbattetevi fratelli miei, io non vi deluderò mai. Anche al palazzo imperiale si stanno preparando, “A Life Left Behind” è un brano progressive rock, ipnotico e surreale. Faythe, per la prima volta in vita sua, si sente viva, ha avuto il coraggio di aprire gli occhi, sa che domani un nuovo sole sorgerà sul mondo e lei dovrà essere altrove, al fianco dei ribelli, al fianco di Gabriel. Arabelle, l’imperatrice, preoccupata che possa accadere qualcosa di brutto all’amata figlia, chiede a Daryus di seguirla, di essere la sua ombra ovunque vada. Daryus acconsente, saast_17 che il peggio deve arrivare, ma è bramoso di dimostrare al padre quanto egli sia spietato e crudele. Ascolta le mie parole, madre, giustizia sarà servita. La ragazza va via, “Ravenskill” parla della sua ricerca per le strade affollate della città. Alla fine la principessa riesce ad arrivare nel campo dei ribelli, incontra ast_15Arhys, che mostra di non fidarsi molto di lei, in fondo lei non è mai stata una di loro. Faythe gli risponde che lei è decisa ad aiutarli, perché ogni secondo che passa è una speranza in meno. La canzone è conclusa da Gabriel: andremo assieme, uniti, da tuo padre, mano nella mano, con la musica e l’amore a nostro fianco, vinceremo la nostra battaglia e questo che ora appare solo un sogno, domani diventerà la realtà. Le sonorità di questa seconda parte del primo disco sono spostate verso l’epic metal più sinfonico, la storia ormai ha preso il sopravvento sulla musica stessa. “Chosen” è una canzone di speranza, la ragazza, dice Gabriel, ha visto la luce, è andata oltre il rumore e la dissonanza. Non posso affrontare da solo la salita, ho bisogno di lei, l’imperatore ha dimenticato il Bene, il suo cuore si è chiuso, rifiuta di ascoltare, ma sono convinto che in qualche angolo ast_16nascosto esista ancora un ricordo, un dubbio, una scintilla, su cui poter far leva per cambiare le cose, deve solo ascoltarmi. Le cose, però, si complicano nel brano successivo, “A Tempting Offer”, Daryus entra di soppiatto in casa di Arhys e minaccia di uccidere suo figlio, il piccolo Xander. È solo un bambino, dice il rivoluzionario, questa lotta non è sua. Dalla tua prossima decisione, gli risponde Daryius, dipenderà il suo destino, abbandona il tuo salvatore, il tuo finto e folle messia e vivrai in pace e prosperità per il resto dei tuoi giorni, pensa a te, pensa al futuro di Xander.

Il trittico finale del primo disco viene aperto da un altro brano robotico, la minacciosa “Digital Discord” che apre a tre canzoni dove la componente metal è più robusta, ma sempre affiancata dai momenti epici e orchestrali. In the “The X Aspect”, Arhys è costretto a cantare il suo tormento interiore, ho giurato a Evangeline, mia moglie, che mi sarei preso sempre cura del nostro bambino ed è per lui che ora debboast_18 uccidere le nostre speranze, la nostra rivoluzione? Sono accecato dalla disperazione, ma attraverso i miei occhi macchiati di sangue, adesso riesco a vedere la luce. Una vita migliore può meritare questo immane sacrificio? In “A New Beginning”, Faythe cerca di persuadere il padre di dare al mondo una nuova possibilità, un nuovo inizio. Gabriel non è una minaccia, è solo un uomo di grande talento. Nefarious, però, è irremovibile, per lui Gabriel è solo una menzogna e una frode vivente, che li condurrà alla distruzione e all’annientamento, compresa lei, che ha tradito i suoi cari per un semplice sconosciuto. Perché dovrei ascoltare questo ciarlatano? L’imperatrice Arabelle ricorda al marito che, una volta, ci fu un tempo ed un luogo in cui anche lui mostrava gli stessi sentimenti e le stesse emozioni che muovono ora la figlia. Nefarious cede, ascolterò questo bugiardo, ma la decisione finale sarà la mia, solo la mia. Il finale del primo atto dell’opera è affidato a “The Road To Revolution”, l’amore è un rischio, ma vale sempre la penaast_19 rischiare. Due scene si svolgono parallelamente: una, a palazzo, vede protagonisti Gabriel, Faythe e Nefarious; l’altra si svolge a casa di Arhys, tra il ribelle e Daryus. La strada per la rivoluzione non è gratuita, c’è sempre un prezzo da pagare, una decisione difficile da prendere. Il I atto finisce così, due decisioni lasciate in sospeso, la salvezza o la condanna, la vita o la morte, da un lato Arhys, combattuto tra l’amore per il figlio, la promessa fatta alla moglie ed il suo ruolo come guida dei ribelli e dall’altro lato Nefarious, incapace di vedere la strada giusta, in bilico tra un potere accecante e l’eventualità di perdere per sempre la figlia che ama. Due padri, due figli, due scelte da compiere.

Il II atto è aperto da un’altra overture, “2285 Entr’Acte”, che conduce senza esitazioni ad un brano potente e metallico, “Moment Of Betrayal”, il momento del tradimento. Arhys ha deciso, venderà il fratello per il figlio. Vieni stasera dove le stelle toccano il cielo, lui sarà lì, ignaro ed indifeso, e tu potrai diventare un ast_4eroe. Quanto a me, il traditore, sarò costretto a portare, per tutto il resto della mia vita, il fardello della colpa e della vergogna. Il mio è il bacio della morte. “Heaven’s Cove” è il preludio progressive alla parte finale della storia, il narratore presenta il luogo dove le stelle toccano il cielo, una volta era un luogo incantato, ora è un guscio vuoto, un luogo di rovina e di morte. Ignara di ciò che sta succedendo, Faythe, in “Begin Again”, una dolce ballata di speranza, si commuove per ciò che crede arriverà: la pace, un mondo in cui poter essere sé stessi, senza paure e senza segreti, un mondo dove si può superare il dolore del passato. La vita, oltre le mura del palazzo, è sul procinto di ricominciare ancora una volta. In “The Path That Divides” c’è tutto il malessere ed il rimorso che attanagliano il cuore di Arhys per ciò che sta che fare. L’uomo sa di non aver avuto scelta, ma non può tradire la Verità, nonostante l’amore che prova per il bambino. Osi sfidare il tuo principe? Hai scelto l’uomo sbagliato da tradire, urla Daryus, hai buttato via la tua vita, così come quella di Xander. E così, davanti al bambino, incomincia la lotta tra due guerrieri ast_2affamati, nelle ombre della notte. È un brano molto duro ed incalzante, un brano di rabbia e sfinimento, il ritmo è incisivo, un alternarsi progressive di cambi, tempi diversi e accelerazioni. “Machine Chatter” è il primo brano NOMACS del II atto che apre finalmente a canzoni più cattive ed arrabbiate, più heavy metal. Innanzitutto “The Walking Shadow”, la canzone della morte di Arhys per mano di Daryus, con il piccolo Xander come unico testimone. Mentre Daryus sta minacciando di morte anche il bambino, ecco che il narratore annuncia un colpo di scena, l’arrivo di qualcuno, uno sconosciuto incappucciato che nasconde il suo volto e che cammina tranquillo, senza sapere in quale trappola sta cadendo. Ma non si tratta dell’eletto, bensì è Faythe!

Quanti altri devono morire prima che tu apra i tuoi occhi? Hai preso la vita di mio fratello, canta Gabriel a Daryus in “My Last Farewell”. Ed adesso lei, non lasciarmi ora, non mollare, questa non può essere la fine, ascolta il mio ultimo addio! La morte di Faythe è un macigno sull’animo di Nefarious, che nel brano ast_3seguente, “Losing Faythe”, canta tutta la sua disperazione di padre, l’arroganza lo ha accecato, così come il suo stupido orgoglio ed il suo cuore è diventato duro come la pietra, l’egoismo ha avuto la meglio su qualsiasi altro sentimento. Nefarious si rivolge a Gabriel, lo chiama figlio mio e lo implora di fare qualcosa per Faythe, il tuo dono può riportare la sua fiamma ad ardere di vita? Io cambierei la mia vita per ricevere solo un ultimo momento con lei. Ovviamente questa è una canzone triste, aperta, infatti, da due voci che piangono: Nefarious e Arabelle. Ma la musica è vita, è forza, è volontà di resistere, nella ballata “Whispers On The Wind”, Gabriel canta il suo dolore per la grande perdita. Il mio dono, afferma, è andato via con lei, è scomparso in un urlo finale, non ho più nulla da dare, la mia fragile voce è scomparsa, le parole che avrei voluto dire si perdono nel vento, ora ogni speranza è morta. “Hymn Of A Thousand Voices” è l’atto finale del dramma, i cittadini di Ravenskill si sono radunati in quello che era l’anfiteatro dove un tempo si suonava, dove le stelle toccavano il cielo, mille voci risuonano tutta la notte, una sinfonia di misericordia per il loro messia, ormai troppo stanco e addolorato per lottare. Ciò smuove lo spirito di Gabriel, la speranza non era completamente sfuggita dal suo cuore, il ragazzo ha la forza di riprendersi ed intonare un altro canto ancora assieme a tutti i cittadini di Ravenskill,ast_9 un canto che termina con la frase “she lives today”, lei oggi vive! “Our New Word”, aperta da un potente riff di chitarra, presenta il nuovo mondo uscito fuori dalle ceneri dolorose del vecchio, la vita è il sentiero che si è deciso di percorrere ed assieme costruiremo un mondo nuovo, un mondo migliore. Quest’ultimo messaggio è affidato alle parole di Gabriel, Faythe e Xander, sono loro a rappresentare il futuro, sono loro l’innocenza da cui può nascere il Bene.

“Power Down”, l’ultimo brano NOMACS fa calare il sipario su quel mondo terribile che era l’impero del nord ed apre all’ultima traccia del disco, “Astonishing”, sorprendente. C’è spazio per l’anima di Arhys, il quale affida Xander a Gabriel, lui è ancora troppo piccolo per capire e dimostrare amore e coraggio, la sua ast_11vita adesso è nelle tue mani. C’è spazio per Xander che saluta un’ultima volta il padre e gli dice di riposare in pace. C’è spazio per Faythe che grazie alla forza di tutto il popolo, ora può vivere di nuovo e questa nuova vita non va assolutamente sprecata, ma messa al servizio del cambiamento. C’è spazio per Nefarious che canta del suo orgoglio e della sua ignoranza e di quanto ora si senta, nonostante abbia imparato la lezione, un uomo umiliato. C’è spazio per Arabelle che invoca il suo principe, il figlio che si è perso lungo la strada, sul quale, in questo giorno nuovo, calerà il perdono.

La pace è stata restaurata, la musica può di nuovo governare il mondo, le nostre vite torneranno ad essere sorprendenti.

By | 2017-08-01T21:10:35+00:00 gennaio 31st, 2016|MUSICA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment