LE STORIE CHE CI RACCONTIAMO, Perturbazione

//LE STORIE CHE CI RACCONTIAMO, Perturbazione

LE STORIE CHE CI RACCONTIAMO, Perturbazione

copertina_DEF_ESECUTIVO

Mettiamolo subito in chiaro, nonostante il titolo, la storia che volevano cantare i Perturbazione, una di quelle che ci raccontiamo, non riesce a fare pienamente presa sui nostri sentimenti. Le storie narrate strizzano davvero troppo l’occhio alle radio e alle televisioni più mielose e scontate, mancano di passione e i protagonisti sono privi di corpo, appaiono come fantasmi indefiniti che si appiattiscono su un lontano sfondo di cartone.

pe_3Musicalmente il disco ha sonorità pop, una buona melodia, che non disdegna incamminarsi sulla strada dell’elettronica, ma senza strafare, in punta di piedi e quindi tutto, alla fine, risulta già sentito. Il tema principale dell’album è il piccolo mondo dei rapporti che finiscono, che si esauriscono per mancanza di volontà e interesse, per stanchezza e paura di impegnarsi, nella nebbia delle sigarette. Le canzoni sono dotate, quindi, di una certa malinconia per ciò che è inevitabilmente terminato, per il tempo che è passato. I testi non riescono, però, a supportare con forza e incisività quel mondo grigio, fatto di sfumature e ricordi, di cui le canzoni vorrebbero parlare. Sono testi semplici, nei quali tante frasi appaiono troppo semplici e banali, e troppo poche sono quelle che tipe_4 entrano dentro e ti fanno vibrare l’anima.

Purtroppo questo album è certamente un’involuzione per la band, sembra quasi di avere davanti un pugile che ha preso una bella botta ed è ancora troppo intontito per reagire con prontezza e decisione. Ogni persona con cui condividiamo parte del nostro cammino non può scomparire come se nulla fosse, resterà sempre e comunque parte del nostro essere, ma andrà necessariamente ad occupare un posto diverso, è una storia che si ripete spesso, ma che ci riesce a cogliere sempre impreparati e sarà il Tempo a fare il resto. Come andranno le cose è impossibile prevederlo, dipende da noi, dipende da te.

pe_2

By | 2017-08-01T21:14:18+00:00 febbraio 13th, 2016|MUSICA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment