NINE INCH NAILS

//NINE INCH NAILS

NINE INCH NAILS

nin_3

Due anime distinte, due diverse sensibilità artistiche, due modi contrapposti di reagire alle avversità della vita, si agitano nelle viscere del progetto artistico ed espressivo Nine Inch Nails di Trent Reznor, il quale ufficialmente è l’unico componente stabile di questa band.

Prosa e poesia. Da un lato la musica industriale, con i suoi suoni completamente artificiali, la sua sovrabbondanza di rumori ed effetti puramente digitali. Dall’altra le chitarre distorte, l’heavy-metal sporcato da contaminazioni funk, rock e persino rap ed hip-hop, l’intimità dei testi.

nin_4L’uomo e la macchina, contrapposti ed in lotta tra loro per prendersi il proprio spazio vitale sul palcoscenico del mondo; l’uomo e la macchina, in perfetta simbiosi tra loro, non più distinguibili e separabili, danno vita ad uno show distruttivo, che è, allo stesso tempo, l’essenza più pura del rock, la drammaticità dell’industrial e la perfezione dell’elettronica. Nei live questa pulsione distruttiva raggiunge il suo apice e la distruzione finale della strumentazione non è altro che la rappresentazione del fallimento. Quando le cose finiscono, infatti, spesso vanno a pezzi e Trent non fa altro che indagare sulle cause dei nostri piccoli e grandi fallimenti, sulle difficoltà che incontriamo ad accettarli e superarli. Le conclusioni sono amare, ti spezzano il cuore, ti bruciano l’anima e per andare oltre, per costruire qualcosa,nin_6 l’unica strada è mettere a nudo i propri sentimenti, affrontare le proprie paure, sminuzzare i propri convincimenti, lasciare che i chiodi da nove pollici ti entrino nella carne. Tutto questo dolore, tutta questa smania e questa passione per l’auto-distruzione, a volte, sono l’unico modo per farci apprezzare la vita, per farci capire quanto sia fondamentale ogni singolo giorno delle nostre esistenze terrene e soprattutto per farci vivere con ciò che ci piace, che ci dà soddisfazioni e che ci appassiona, anche se tutto ciò significa andare controcorrente, estraniarsi dalla massa o essere giudicato come un pazzo, un poco di buono, uno sconsiderato, un povero buffone.

La vita stessa non è altro che una forma di caos ed è impensabile, nonché impossibile, cercare di mettere ordine. Alcuni uomini ne soffrono, si abbandonano alla fede, altri si concentrano in aspetti del tutto personalistici come il potere di controllare le altre persone, di avere uno smisurato successo o di essere sfacciatamente ricchi: il Dio denaro non nin_8vuole ogni cosa, lui vuole tutto. Queste non sono altro che ossessioni, stai cercando di riempire il tuo buco con ingordigia, ma presto sanguinerai.

Ma ogni cosa, alla fine, stanca, persino la fede o la speranza, siamo destinati a svanire, come orme nella neve, siamo intimamente corrotti e la serenità, la pace, la gioia non ci sononin_7 destinate. Il mondo stesso ci rifiuta, ci consuma velocemente, ci indebolisce e quando non siamo più utili ci butta via. Non è altro che una forma di controllo, per tenerci sottomessi, per non farci ribellare, proprio come la voce che senti nella tua testa o l’amante che dorme nel tuo letto o lo stesso odio che provi e che tenti in tutti i modi, inutilmente, di nascondere.

L’unica vera droga, l’unica droga perfetta, è il lasciarsi logorare, il lasciarsi violare, il lasciarsi dissacrare, il lasciarsi complicare, il lasciarsi penetrare, sono questi gli unici modi per evadere da se stessi, da tutti i dolori quotidiani, dall’avvilimento e dalla stanchezza finali.

Voglio fotterti come un animale, voglio sentirti dall’interno.

“I wanna fuck you like an animal. I wanna feel you from inside.”

nin_2

By | 2017-08-01T21:01:42+00:00 marzo 21st, 2016|CENTRIdiGRAVITA'|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment