BATMAN e FIGLIO, di Grant Morrison

//BATMAN e FIGLIO, di Grant Morrison

BATMAN e FIGLIO, di Grant Morrison

bat_11

L’editore inglese Eaglemoss, recentemente, ha iniziato a pubblicare, con cadenza che sarà inizialmente bat_02quindicinale e poi diverrà settimanale, una serie di storie di celebri supereroi della DC Comics: innanzitutto Batman e Superman, ma ci sarà spazio anche per Wonder Woman, Flash, Lanterna Verde, Justice League of America ed altri. L’esordio della collana ha visto la pubblicazione della storia “Batman e Figlio” di Grant Morrison, il fumettista scozzese che è divenuto famoso proprio grazie al cavaliere oscuro ed alla graphic novel “Arkham Asylum”, una folle dimora in un mondo dannatamente ed irrimediabilmente folle.

In questa storia fa il suo ingresso in scena un ragazzo, Damian, che nonostante la giovane età è già avvezzo all’uso delle armi e della violenza ed habat_04 già affrontato parecchie volte la morte, infatti non mostra alcun rimorso nel compiere efferati e brutali omicidi. Damian è stato educato ed addestrato dalla Lega degli Assassini, per cui non sa assolutamente cosa sia la pietà, il rispetto per la vita o l’amore per il prossimo. Qualsiasi azione, anche la più iniqua, gli appare lecita se serve bat_05a raggiungere il proprio scopo. Il ragazzo ci viene presentato come il figlio dello stesso Batman e di Talia al Ghul, la figlia del terribile e spietato Ra’s al Ghul.

Batman, dopo uno scontro con un esercito di Man-Bat, uomini pipistrello, viene catturato da Talia, la quale, prima di rimetterlo in libertà, gli presenta Damian e gli rivela che l’adolescente è il frutto della loro unione. Glielo lascerà per un po’ di tempo, in modo tale che i due possano conoscersi. Lei, nel frattempo, ha da fare: deve ricostruire il suo esercito di Man-Bat, messo quasi del tutto fuori gioco da Batman, in modo che il mondo possa finalmente conoscere un nuovo genere di terrore. Il cavaliere oscuro conduce, quindi, Damian con sé alla bat-caverna dove gli presenta sia Alfred, che Robin. Il ragazzo non mostra alcun rispetto per Alfred, che chiama in modo arrogante e irrispettoso “servo”, ma ciò che è più preoccupante è il fatto che egli entrabat_06 immediatamente in competizione con Robin, il quale, ai suoi occhi, è solo una sorta di figlio illegittimo del cavaliere oscuro. Ma ora che c’è lui, il vero erede di Batman, non c’è motivo di bat_03avere Robin ancora tra i piedi, anzi quando finalmente non ci sarà più, lui potrà prendere il posto che gli spetta accanto al padre. Quando Batman trova un Robin gravemente ferito, le parole di Damian non mostrano alcun rimorso per ciò che ha fatto: “Era il mio rivale. Non è tuo figlio. Io, invece, sì! Ho il diritto di sostituirlo. Nella Lega degli Assassini è così.” Damian è desideroso di conquistarsi il rispetto e la considerazione paterna, tant’è vero che, a suo modo, vuole aiutare Batman e non intende deluderlo, ma le sue azioni sono semprebat_01 mosse dalla rabbia e dall’odio tipiche della Lega degli Assassini. Lo stesso Fantasma, un criminale a cui Batman stava dando la caccia, viene decapitato dal ragazzo, senza la minima esitazione.

Padre e figlio si ritrovano, quindi, a combattere fianco a fianco, Batman sa bene che non può lasciare Damian solo e perciò decide di portarlo con sé, a bat_10Gibilterra, dove Talia tiene in ostaggio il primo ministro inglese. Dopo l’ennesimo spettacolare scontro con i Man-Bat e dopo il rifiuto da parte del cavaliere oscuro di riunirsi alla sua famiglia e fondare una dinastia destinata a governare il mondo intero per migliaia di anni, Talia gli rinnova la sua sfida: sarà guerra! Madre e figlio, dopo questo ennesimo avvertimento, grazie ad un’esplosione, che Talia stessa ha causato, scompaiono nel nulla, lasciando Batman da solo, a fissare le lingue di fuoco che, dal mare, salgono indomabili verso un cielo scuro e carico di cattivi presagi.

Grant Morrison non si concentra solo su Batman e Damian e sul loro controverso rapporto padre-figlio, ma anche su Talia, brutale ed allo stesso tempo innamorata di quello che ritiene essere il suo compagno di vita, tanto da apparire gelosa della bat_09nuova relazione di Bruce Wayne con la bella ex-modella africana Jezebel Jet.

Oltre la vicenda di Damian e Talia, viene presentata anche un’altra inquietante vicenda. In città sembra non esserci un solo Batman, ma ce ne sono altri tre ed il loro modo di fare nonbat_07 è certo rispettoso della legge! Uno di quegli assassini ha sparato al Joker in pieno viso! Un altro, che sembra un mostro, fisicamente simile a Bane, “una locomotiva che sbuffa e suda, di carne ed ossa”, si diverte a fare scempio di pover prostitute. Ed infine c’è il terzo spirito, quello che Batman incontra, mentre è privo di sensi, dopo che ha affrontato il Batman-Bane ed ha avuto la peggio! Il cavaliere oscuro credeva che i tre Batman fossero solo frutto della sua immaginazione, infatti erano stati archiviati nel celebre schedario nero, ma, invece, non è così. Sono assolutamente reali e pronti a fargliela pagare!

bat_08

By | 2017-08-01T20:33:50+00:00 settembre 27th, 2016|FUMETTI|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment