BATTLES, In Flames

//BATTLES, In Flames

BATTLES, In Flames

Ciò che è fatto, è fatto. Non ci resta che affrontarne le conseguenze. È come se avessimo davanti a noi una miccia accesa e l’esplosivo pronto a distruggere e cancellare ogni cosa. Se ormai non possiamo più cercare di spegnere la miccia, è evidente che non ci resta che correre e correre e correre ancora, se vogliamo salvarci. Siamo, quindi, costretti a correre come dei reietti in fuga da sé stessi, dalla propria esistenza, dal mondo circostante (“The End”). È questa la canzone con la quale la band svedese ha deciso di presentare il nuovo album, “Battles”, al pubblico. “The End” è un brano interessante, semplice e lineare allo stesso tempo e proprio grazie a queste caratteristiche, è un brano che riesce a catturare l’attenzione dell’ascoltatore ed a spingerlo a riflettere sulle battaglie affrontate, sulle decisioni prese e sulle conseguenze che, inevitabilmente, ci cadranno addosso.

L’impeto e la voglia di reazione alle avversità di “The End” sono, in parte, mitigati dal brano successivo, “Like Sand”, canzone più struggente, cupa e malinconica. I toni, però, tornano ad essere più intensi con i bambini di “The Truth”, la canzone più commerciale e radiofonica dell’album. La voce dei bambini, nonostante tutto, è comunque la voce della cruda verità: è giunto il momento di attivarsi, di riprendere finalmente il controllo dei propri pensieri e delle proprie azioni. La tendenza a mescolare le carte e muoversi in territori musicali molto lontani dal metal continua con “In My Room”, una canzone nella quale la band oltrepassa definitivamente i confini del metal e decide di fare uso di elementi e sonorità elettroniche ed hard rock.

L’approccio ritorna ad essere più duro, sporco e veloce con “Through My Eyes”, una vera e propria lama tagliente a metà del disco; una canzone che, comunque, nonostante le strizzate d’occhio al passato,  mostra nella realtà quale sia la direzione presa oggi dagli In Flames, una direzione che guarda soprattutto all’alternative metal moderno e che ormai ha sempre meno da spartire con le sonorità death, aggressive o melodiche, degli anni novanta. “Battles”, la title track, è, ad esempio, una canzone robusta e massiccia che guarda esclusivamente all’hard rock, con i suoi assoli e le sue ampie e melodiche linee vocali. Nella parte finale del disco, la band continua ad oscillare tra hard rock ed alternative metal, arricchendo, di volta in volta, la propria musica con elementi  più elettronici, più oscuri o più melodici, a seconda dei casi.

Da questo approccio nascono la ballata inquieta e malinconica “Here Until Forever”, la digitale “Save Me” o il brano più lungo, ipnotico e complesso del disco, la suadente “Wallflower”.

La svolta musicale degli In Flames continua ed ovviamente continuerà a dividere il pubblico. Anche quest’ultimo album che non va certo nella direzione dei fan iniziali della band svedese e di tutti coloro che amano le sonorità death. Gli In Flames hanno deciso di spostare il proprio sound nella direzione di un metal più moderno e melodico, con continue e frequenti aperture all’hard rock, senza disdegnare l’inclusione di elementi elettronici, più commerciali e più radiofonici nelle proprie canzoni. Se tutto ciò può allargare la schiera dei fan della band, aprendola a nuovi potenziali ascoltatori e permettendo una diffusione più ampia alla loro musica, al di là della nicchia, più o meno numerosa, di amanti del death metal, d’altro canto può portare la band a perdere la capacità di trasmettere la propria tensione emotiva, il proprio malessere, la propria rabbia, come, invece, accadeva nei lavori precedenti alla grande svolta. Ciò è dimostrato soprattutto da questo disco, dove fatta eccezione per alcuni brani (“The End”, “Like Sand” ,“Through My Eyes”, “Here Until Forever” e  “Wallflower”), quelli più emotivamente vivi e sentiti, il resto dell’album è piuttosto ripetitivo con una eccessiva propensione verso la melodia più accattivante e le radio mainstream. Gli In Flames restano, comunque, una band metal fondamentale, aggressiva e tecnicamente eccelsa, capace di stupire il pubblico nelle esibizioni dal vivo. La battaglia, intanto, continua ad essere in corso…

By | 2017-08-01T20:18:59+00:00 dicembre 9th, 2016|MUSICA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment