CIGARETTES AFTER SEX, Cigarettes After Sex

//CIGARETTES AFTER SEX, Cigarettes After Sex

CIGARETTES AFTER SEX, Cigarettes After Sex

  

La band americana di origini texane, ma trapiantatasi nel quartiere newyorkese di Brooklyn in cerca di fama e fortuna, dopo alcuni EP ed un certosino lavoro di levigatura del proprio sound, giunge finalmente all’atteso primo album in studio. Atteso perché questa band ha saputo sapientemente costruire attorno a sé un’aurea misteriosa.

Le sonorità dei Cigarettes After Sex sono di chiara matrice pop, ma possono far leva sulla voce androgina di Greg Gonzales, il cantante. Le tematiche affrontate in questo primo album sono legate soprattutto ai tempi andati, a malinconiche esperienze d’amore, che vengono scomposte pezzo a pezzo. In fondo questo non è altro che un modo per esorcizzare la perdita, per vincere l’ansia nella quale tutti sembriamo irrimediabilmente affogare.

Sia a livello sonoro, quindi, che testuale la band si mantiene su territori perfettamente noti, non ci sono elementi innovativi, è tutto molto semplice, a volte persino banale, ma viene fatto in modo professionale e pulito: ogni parola, ogni nota, ogni emozione cade nel punto giusto. Questo dona un ottimo equilibrio al disco in termini di omogeneità e chiarezza, ma allo stesso tempo riduce la tensione emotiva e tende a indebolire il messaggio originario della band.

Del resto i Cigarettes After Sex rappresentano un mondo di tonalità in bianco e nero, in cui – e ciò è evidente anche dalla copertina dell’album e dei precedenti EP – l’immagine rappresenta un aspetto fondamentale e non secondario del lavoro che il gruppo intende perseguire. Anche la scelta dei titoli e delle parole è ovviamente il frutto di un’attenta analisi e ha lo scopo di fare in modo che la band possa trasferire la propria ansia e la propria malinconia per il tempo trascorso al pubblico. Nulla è lasciato al caso, ma tutto deve essere funzionale al progetto.

Ciò non significa implicitamente che siamo davanti a qualcosa di falso e studiato al tavolino dagli addetti ai lavori, tant’è vero che dal vivo la band riesce a catturare e coinvolgere gli spettatori, ma siamo dinanzi ad una ben precisa dichiarazione d’intenti: i Cigarettes After Sex intendono indagare gli aspetti più intimi dell’amore e della perdita, ma scelgono di farlo secondo quello che è il loro gusto estetico malinconico e minimalista. La scelta del bianco e nero non è casuale, il loro pop è lento e sognante, il loro mondo è fatto di ombre, la bellezza è perennemente avvolta dalla nebbia, i contorni sono sfumati e il tempo, alla fine, sembra voler fagocitare ogni cosa. Ascoltare quest’album è come vivere in un’epoca passata, è come entrare in un vecchio film in bianco e nero; il passato appare dolce e pacifico, soprattutto se viene confrontato con i frenetici ritmi quotidiani. Da un lato abbiamo la semplicità, la capacità di godere a pieno ogni emozione; dall’altro lato sembra che ci siano solo superficialità, solitudine e caos.

By | 2017-08-01T19:02:51+00:00 giugno 10th, 2017|MUSICA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment