PER SEMPRE, Io e la Tigre

//PER SEMPRE, Io e la Tigre

PER SEMPRE, Io e la Tigre

Un EP che rientra nel panorama dell’attuale indie-pop italiano con un tocco di malinconia e gusto retrò. Come si evince chiaramente dal titolo, “Per Sempre”, il tema fondamentale attorno al quale l’io e la tigre, cioè Aurora e Barbara, sviluppano i quattro brani dell’EP è una riflessione sulla temporaneità delle nostre emozioni, dei nostri stessi sentimenti, di tutto ciò che ci circonda e fa parte del nostro mondo. Facendo leva anche sull’ausilio vocale del rapper Slat, le domande son sempre le solite: perché alcune cose, alcuni rapporti, alcune passioni, riescono a durare per sempre, mentre altre, nonostante il nostro impegno, nonostante le energie che investiamo, sono destinate a finire?

Le preoccupazioni di “Non Finirà” vengono oltrepassate dalla successiva “Tu Per Me”, una canzone meno impegnata e più ironica, che non è messa lì a caso, ma che ha il compito di rendere più leggera l’atmosfera, perché, a volte, ciò che uccide le nostre relazioni, ciò che si abbatte sui nostri progetti, ciò che riduce in frantumi i nostri sogni, è proprio il fatto di volersi prendere troppo sul serio, di voler percorrere, a tutti i costi, la strada che ci hanno dipinto come l’unica giusta e possibile. Ma perché omologarci, perché non sentirsi come dei piccoli, grandi Superman? Chi può impedircelo, perché dobbiamo dare a qualcun altro, nel bene e nel male, il controllo delle nostre vite?

Il terzo brano dell’EP, “Bianconiglio”, si distacca leggermente dal pop dei primi due pezzi e tenta di mescolare i temi portanti del progetto, con le atmosfere più oniriche del paese delle meraviglie ed un approccio musicale che tenta di allontanarsi dall’indie-pop e rendere il suono più ruvido. Dopo i primi due brani, caratterizzati da una certa malinconia, in questa canzone c’è la voglia di gridare la propria rabbia ed il proprio tormento, di non accettare la resa, ma di agire per prendersi ciò che ci spetta di diritto.

L’EP chiude il suo cerchio con “L’Indifferenza”, una canzone che viene dal profondo dell’anima, una dichiarazione esplicita dei propri sentimenti accompagnata dal ritmo ipnotico e suadente della chitarra. Questo brano, probabilmente volutamente, lascia il discorso aperto, crolla ogni certezza e ciò che resta è solo il sapore amaro dell’indifferenza e del malessere. Si tratta del ponte che consentirà di giungere al prossimo lavoro della band, che, ovviamente, dovrà essere più completo, più ricco di contenuti e più complesso anche dal punto di vista delle scelte musicali.

By | 2017-08-01T18:59:21+00:00 luglio 15th, 2017|MUSICA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment