PREACHER, di Evan Goldberg, Sam Catlin e Seth Rogen

//PREACHER, di Evan Goldberg, Sam Catlin e Seth Rogen

PREACHER, di Evan Goldberg, Sam Catlin e Seth Rogen

“Preacher” è una serie TV, prodotta dalla AMC, basata sull’omonimo fumetto ideato da Garth Rogen e Evan Goldberg, visibile sulla piattaforma digitale Amazon Prime. La vicenda narrata affronta, in modo irriverente ed ironico, il tema dell’esistenza di Dio. La prima stagione è una sorta di prequel perché mostra in che modo il predicatore della cittadina texana di Angelville, Jesse Custer, la sua ex fidanzata ed amica d’una vita Tulip O’Hare ed il vampiro di origini irlandesi Cassidy decidano di intraprendere la ricerca di Dio.

Dio, infatti, è scomparso dal Paradiso, gli angeli sono sconvolti e vogliono, in tutti i modi possibili, tener nascosta la cosa. Nel frattempo un potere misterioso, chiamato “Genesis”, generato dal legame “innaturale” tra un angelo ed un demone, decide di stabilirsi all’interno di Jesse, il quale crede che esso sia la voce stessa di Dio, un dono per spingere gli uomini verso la propria salvezza e redenzione. In realtà la creatura, per metà diabolica, esegue alla lettera gli ordini impartiti dalla voce del predicatore. Ad esempio se egli comanda ad un fedele di aprire il proprio cuore, quest’ultimo si strapperà praticamente il cuore dal petto; se, ad esempio, in un momento di rabbia Jesse manda qualcuno all’inferno, come nel caso di Eugene, lo sventurato finirà letteralmente all’inferno.

Genesis è un’entità pericolosa ed infatti due angeli, Fiore e De Blanc, abbondonato il Paradiso, si mettono sulle tracce di Jesse, cercando di convincerlo, sia con le buone, che con le cattive, a rinunciare a questo dono. Ma nonostante i loro tentativi è Genesis stesso ad opporsi alla cosa, per cui gli angeli decidono di scendere negli inferi ed ingaggiare il Santo degli Assassini, un cow-boy la cui storia è narrata in una serie di flashback temporali nel corso della prima stagione, per uccidere Jesse Custer e mettere fine all’utilizzo indiscriminato di Genesis.

Questa, che è la trama principale, si intreccia con le storie degli altri protagonisti, narrate anch’esse con la tecnica dei flashback temporali. Innanzitutto Tulip, l’amica di Jesse sin dai tempi dell’infanzia. La loro relazione affettiva era terminata a seguito di una rapina finita male; la tensione accumulata aveva provocato un aborto naturale nella donna. A seguito del trauma Jesse e Tulip decidono di riprovare ad avere un nuovo figlio e cambiare strada, conducendo una vita onesta. Ma, come viene mostrato nella seconda stagione, ben presto, la loro relazione entra definitivamente in crisi ed i due si separano. Jesse decide di seguire le orme paterne e divenire il pastore di Angelville, mentre Tulip decide di tornare alla sua precedente vita criminale. Si rincontreranno proprio ad Angelville dove Tulip decide di tornare per chiedere a Jesse di unirsi a lei nella vendetta contro l’ex socio Carlos che li aveva traditi nel corso della fatidica rapina causando l’aborto di Tulip e di conseguenza la fine del loro rapporto.

Ad Angelville, intanto, arriva in modo rocambolesco, gettandosi da un aereo, anche Cassidy, un vampiro irlandese, amante dell’alcool, delle donne e delle droghe; irresponsabile ed individualista, egli diviene, ben presto, amico di Jesse, dopo averlo aiutato durante una rissa, ottenendo così ospitalità nella sua chiesa.

Jesse è convinto che Genesis gli sia stato donato, per qualche oscura ragione, da Dio in persona e decide di volerlo utilizzare per salvare la cittadinanza di Angelville dalla perdizione eterna. Ben presto, però, è costretto ad ammettere che Genesis condiziona le persone e le priva della propria libertà. L’assoluta fede nelle sue capacità si trasforma così in una serie di dubbi, domande e spiegazioni. Jesse ruba uno strano telefono ai due angeli Fiore e De Blanc, un telefono in grado di metterlo in contatto col Paradiso e così nella sua ultima celebrazione ad Angelville riesce a mettere la sua chiesa, gremita di fedeli, in collegamento video con il Paradiso per poter finalmente parlare con Dio e chiedergli conto delle sue azioni. Ma Dio è già scomparso e la video-telefonata si rivela essere solo un grande bluff per tenere nascosta la notizia.

Jesse, però, scopre la menzogna ed assieme a Tulip e Cassidy decide di partire alla ricerca di Dio. Intanto il Santo degli Assassini, attratto dall’utilizzo indiscriminato di Genesis, si mette sulle tracce del trio, deciso ad uccidere il predicatore, mentre la cittadina di Angelville viene rasa al suolo da un’esplosione causata dal letame di vacca. La maggiore industria della cittadina è, infatti, la Quinncannon Meat & Power attiva nella macellazione di bovini e nella produzione di energia a partire dalle loro feci.

La prima stagione si svolge, in pratica, tutta in Texas, mentre nella seconda Jesse, Tulip e Cassidy si spostano a New Orleans sulle tracce di Dio, poichè scoprono che Dio è un grande appassionato di musica jazz. Quale città, quindi, più adatta?

Preacher è la serie TV, probabilmente, più vicina al mondo a tinte forti di Quentin Tarantino o Robert Rodriguez; con il suo linguaggio diretto, la sua abbondante dose di sangue, budella e violenza, ma soprattutto grazie ai flashback temporali, ai dialoghi surreali ed alle situazioni paradossali che vengono descritte, Preacher ricorda sia “Dal Tramonto All’Alba”, che “Kill Bill”. Nella seconda stagione, ad esempio, Eugene (la cui faccia, a seguito di una drammatica esperienza, è divenuta simile ad un sfintere) incontrerà all’inferno Adolf Hitler in persona. Preacher sa mescolare sapientemente generi e situazioni profondamente diverse tra loro: horror e comicità, vampiri e pistoleri, angeli e demoni, un western che indaga sull’esistenza di Dio.

Una volta trovato Dio, vedremo che cos’ha da dire, dice Jesse Custer, redivivo John Wayne; se ha un problema gli daremo una mano, se invece le sue son solo scuse, allora gliela faremo pagare.

By | 2017-08-28T11:17:04+00:00 agosto 28th, 2017|VIDEO|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment