BLACK REVISED, Project-To

//BLACK REVISED, Project-To

BLACK REVISED, Project-To

La musica e le immagini di “Project-To” in questo nuovo lavoro, “Black Revised”, prendono decisamente la direzione delle sonorità oniriche dell’ambient, scandite dai ritmi elettronici della musica techno.

Atmosfere che hanno il sapore degli anni novanta: metropoli avvolte dalla nebbia, che intonano il loro canto all’acciaio ed al cemento armato che sfidano il cielo, ai tunnel che si perdono nelle viscere oscure della terra, mentre milioni di persone si affannano, ogni singolo giorno, spostandosi caoticamente da un luogo all’altro della città, attraverso i minuscoli capillari e le grandi arterie d’asfalto di questa gigantesca creatura dal cuore sporco, sofferente e pesante.

La musica di Riccardo Mazza è proprio il battito lento e regolare di questo cuore; le rappresentazioni visive di Laura Pol sono i sogni e gli incubi ad occhi aperti di questa enorme creatura, mescolati alla realtà di un mondo che sembra essere sul punto di disgregarsi e scomparire da un momento all’altro. È difficile comprendere cosa sia vero e cosa, invece, sia solo il frutto della nostra immaginazione, delle nostre fragili speranze e delle nostre recondite paure.

Le atmosfere di “Black Revised” sono decisamente buie e malinconiche; i sintetizzatori danno vita a un flusso viscerale e continuo di sonorità dark, che rapiscono l’ascoltatore, lo confondono, ne alterano le normali capacità di percezione, rendendo difficile persino stabilire un tempo ed uno spazio.

L’obbiettivo è dare alle persone la possibilità di vedere sé stessi ed il mondo circostante in modo completamente nuovo. Questo approccio non deve essere limitato solo all’udito o solo alla vista, ma deve coinvolgere tutti e cinque i nostri sensi, così da amplificare le nostre capacità cognitive e la nostra sensibilità. È come una rinascita, è la riscoperta di un universo che si estende tanto in noi stessi, nella nostra intimità e nella nostra soggettività, quanto nelle forze della natura e persino negli oggetti, minuscoli o mastodontici, che costruiscono la nostra realtà giornaliera.

Sono le nostre emozioni a nutrire questa enorme creatura.

“Black Revised” è una porta per mettersi in contatto con lei ed attraverso lei mettersi in contatto con le altre persone. Basta ascoltare, basta guardare per scoprire che, nonostante le diversità esteriori, nonostante i diversi usi e costumi, nonostante le diversità politiche, sociali o religiose, noi non siamo poi così lontani gli uni dagli altri.  

By | 2017-11-03T09:39:36+00:00 novembre 3rd, 2017|MUSICA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment