NORDIC FLORA SERIES PT 5: CRUSH, Varg

//NORDIC FLORA SERIES PT 5: CRUSH, Varg

NORDIC FLORA SERIES PT 5: CRUSH, Varg

Le contemplazioni ambientali di Varg si tingono, per questo quinto episodio delle sue esplorazioni, di tonalità più tese ed oscure; la musica del produttore svedese, caratterizzata come sempre da una massiccia dose di sperimentazioni, avvolge la sua e la nostra quotidianità, penetra in profondità, nel nostro intimo, e tenta di scardinare i nostri abituali schemi e limiti mentali.

Varg lotta per alterare tutto ciò che ha il sapore dell’ordinarietà, della normalità e della prevedibilità; le sue trame elettroniche nascono dalla vita vissuta; dai sentimenti che, ogni giorno, tendiamo a tenere nascosti sotto la corazza delle nostre abitudini e dei nostri punti fermi, ma siamo delle creature estremamente fragili ed indifese. È una musica fatta di voci e pensieri, di ritmi quotidiani e desiderio d’evasione; è fatta da coloro che ci circondano e condividono con noi le loro esistenze, soprattutto, quindi, i nostri amici ed i nostri affetti più cari. In tal senso questo quinto volume è quello più intimo e romantico; Varg elabora un proprio personale romanticismo fatto di beat ed effetti elettronici, di passaggi e riflessioni ambient e di sonorità techno; l’artista cerca di non farci sentire soli, ma di porre l’accento su tutti quei legami e quelle relazioni che ci tengono connessi al mondo esterno, di qualsiasi tipo esse siano: famiglia, scuola, lavoro, amici, partner. Oggi viviamo in un mondo immenso, abbiamo a nostra disposizione molteplici tecnologie per entrare in contatto con le altre persone, ma, nonostante tutto ciò, siamo, spesso, estremamente soli, non abbiamo amici al nostro fianco, non abbiamo persone con cui scambiare neppure una parola.

La musica tecnologia di Varg tenta, a modo suo, con le sue svariate e molteplici collaborazioni, con la sua ironia, con la sua sensibilità, di ritrovare il lato più profondo ed umano della nostra società e la strada per farlo non può che essere quella dell’amore. Il messaggio finale dell’album è, quindi, senza alcun dubbio, positivo ed ottimista: il bene è destinato a sopravvivere a qualsiasi invenzione, tecnologia, macchinario che l’ingegno umano è in grado di realizzare.

By | 2018-09-10T06:22:27+00:00 settembre 10th, 2018|MUSICA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment