mercoledì, novembre 14, 2018
Il Parco Paranoico

Another Shape Of Psychedelic Music, Mythic Sunship

“Resolution”, la prima canzone di questo disco dei Mythic Sunship, si affida, inizialmente, soprattutto al sassofono e conduce gli ascoltatori in una dimensione suadente, eterea ed introspettiva nella quale le sonorità free jazz hanno la meglio e spingono l’ascoltatore ad entrare in sintonia con il mondo circostante. A metà brano iniziano a farsi notare e sentire le chitarre di chiara ispirazione space rock. Gli elementi progressive rock e quelli jazzistici si fondono; i ritmi si fanno più incalzanti; il viaggio che era iniziato in modo sobrio, un passo alla volta, diviene sempre più frenetico. È come se la musica ci spingesse ad andare avanti, a raggiungere la meta che ci eravamo prefissati.

Ed è così che ci ritroviamo proiettati nella dimensione più psichedelica di “Backyard Ritual”, la seconda canzone del disco, che penetra fluida nelle nostre menti, in maniera tale da scandagliarne i segreti celati e le paure primordiali. Le paure che ci impediscono di vivere a pieno le nostre esistenze e di scegliere senza il timore di sbagliare o, ancor peggio, esser giudicati.

“Last Exit” è improvvisa ed accelerata, non ha più nulla di introspettivo. I primi due brani avevano il compito di indagare e riportare in superficie la verità che tenevamo nascosta nel nostro inconscio, ma ora è giunto il momento di esprimerla con forza, senza che nessuno provi a intimidirci o fermarci. Troppa energia era stata accumulata e tenuta prigioniera ed adesso bisogna condividerla con chi ci è sempre rimasto accanto, ma anche con il mondo circostante.

Il disco, nel suo complesso, è avvolto da un alone epico e misterioso e miscela sapientemente sonorità provenienti da mondi differenti: del jazz e dello space rock si è già detto, ma la band danese ama anche intense divagazioni di matrice blues e psychedelic rock tipiche dei gloriosi anni settanta. Un album che resta, nonostante le sue influenze ed i suoi differenti approcci musicali, moderno; esso, inoltre, offre all’ascoltatore la possibilità di perdersi nei propri pensieri più oscuri e di affrontare le notti insonni senza il timore di restare prigioniero dell’ansia.

È una sorta di medicina sonora, senza alcuna controindicazione dannosa alla salute, che termina con le atmosfere cosmiche di “Elevation”, l’ultimo brano del disco. Gli ingredienti sono semplici: un sassofono, le chitarre, una possente linea ritmica basso-batteria che riesce a passare dal doom alle sonorità tribali africane, da un glaciale progressive rock alle calorose cavalcate del rock più desertico ed ipnotico.

Like this Article? Share it!

About The Author

Autore delle raccolte di poesie "Il Covo Dei Briganti" ed "Ultravioletto"; autore della raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma"; ha fatto parte del collettivo letterario "Extravesuviana" per cui ha curato la rubrica settimanale "Favole del tempo andato". Attualmente è parte attiva del collettivo letterario "Baranduin, il fiume di confine" con cui pubblica poesie e racconti. Autore dei testi e voce del progetto musicale "Briganti Elettrici".

Comments are closed.