sabato, Aprile 20, 2019
Il Parco Paranoico

Il Sacco di Natale (quando la poesia morì e tornò a vivere)

Come ti senti adesso?
Sei soddisfatta?
Sei felice?
Quali oggetti potranno colmare il vuoto?
Quali saranno di conforto?
Passata la prepotente eccitazione del saccheggio natalizio,
che ne sarà dell’impronta dell’anima di tutti coloro
che hanno scelto, acquistato, donato e soprattutto vissuto,
questi cimeli del tempo e dello spazio?
Cosa proverai, un giorno, nel guardarli?
Si trasformeranno in piacevoli ricordi o amari rimorsi?
Saranno il seme da cui potrebbe spuntare qualcosa di nuovo?
Te lo auguro,
ma penso che il seme sia già marcio,
che sia già irremediabilmente vuoto.
Ed il vuoto, si sa, fagocita e sminuzza ogni sentimento,
ogni ricordo, ogni barlume di umanità;
il vuoto ti nega la scelta più veritiera,
quella che potrebbe farti tornare in sintonia con te stessa,
con quel cuore che tormenti.
Come ti giungono queste parole?
Immagino ti siano sgradevoli,
immagino ti giungano distorte e disturbate,
ma non importa, non mi stancherò mai di soffiare parole,
affinché almeno una di esse riesca a giungere sul fondo del mare.
Penso che potresti essere migliore,
migliore di come hai scelto di essere,
ma probabilmente non ti importa,
passeranno gli uomini e le stagioni,
ma la poesia resterà qui, al mio fianco,
compagna e conforto, antidoto contro l’arroganza e la violenza,
baluardo estremo di resistenza civile.
Preferisco esser ferito, esser derubato di ciò che mi è più caro,
del mio imperituro amore e della mia cordialità emotiva,
piuttosto che finire ad esser ladro in casa mia.

(L’opera è “Il Sacco di Roma” di Johannes Lingelbach e ritrae il celebre ed infausto saccheggio di Roma da parte dei lanzichenecchi)

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico, ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). Fondatore del collettivo letterario "Baranduin" (www.baranduin.it). Responsabile editoriale della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it). Gestisce una propria pagina di resistenza poetica (www.checkpointcharlie.it).

Comments are closed.