giovedì, Dicembre 12, 2019
Il Parco Paranoico

Soundtrack For Contemporary Stories, Sparring Project

Cos’è la realtà? Quella che mostriamo o quella che nascondiamo nel nostro inconscio? Una volta che ci separiamo dai nostri fardelli emotivi e dalle nostre credenze primordiali, siamo davvero liberi o restiamo, comunque, gli schiavi di una matrice artificiale, il cui unico obiettivo è controllare e sfruttare a suo vantaggio i nostri movimenti?
“Soundtrack For Contemporary Stories”, progetto parallelo dei Pugile, fornisce la colonna sonora ideale per immergersi nel mondo che ci circonda, nelle piccole e trascurabili storie contemporanee che vanno a costruire quella che ciascuno di noi percepisce come la propria realtà. Secondo gli studi di Heisenberg è impossibile misurare due grandezze fisiche, come il tempo e l’energia, la posizione ed il moto, senza una buona dose di incertezza ed, inoltre, più i sistemi che ci proponiamo di osservare si fanno complessi, più le variabili necessarie alla loro descrizione si fanno microscopiche e quindi più diviene folle la pretesa di descriverli con precisione. L’indeterminazione e l’illusorietà, il sogno e la fantasia, fanno, di conseguenza, parte del nostro universo; quando attraversiamo le nostre città, seduti su un autobus o un tram, e guardiamo le persone fuori, intente nella propria quotidianità, riusciamo a percepire che c’è qualcosa oltre i loro gesti, oltre i loro sguardi, oltre i movimenti impercettibili dei loro corpi.
Sparring Project è la musica che ci accompagna nel nostro viaggio, oltre il sudario delle semplici apparenze, in modo da far emergere ciò che c’è dietro e farci comprendere quali sono i meccanismi insiti nella tana del Bianconiglio, che non è altro che la nostra mente. Se riuscissimo a comprendere qual è il legame tra la nostra coscienza e la materia, potremmo, allora, migliorare anche le nostre condizioni di vita. Siamo, infatti, noi stessi, con le nostre costruzioni mentali ed i nostri schemi e modelli precostituiti, a creare, ingigantire e diffondere tutte quelle percezioni e quelle sensazioni negative, da cui poi si generano l’odio, la rabbia e la paura. È l’uomo il più grande illusionista di sé stesso; è l’uomo il più grande creatore di mondi, nonché un instancabile viaggiatore che attraversa, uno dopo l’altro, i diversi e simultanei livelli di realtà che nascono e muoiono continuamente, alla disperata ricerca delle sue colonne d’Ercole, oltre le quali non vi sono più interpretazioni ed indeterminazioni, ma tutto diviene unico e coincidente: interiorità ed esteriorità, macroscopico e microscopico, forma e contenuto, spirito e materia. Un viaggio infinito? Forse sarà così, ma “Soundtrack For Contemporary Stories” resta un buon modo per accompagnare le nostre divagazioni, anche perché, spesso, non è fondamentale il raggiungimento della destinazione finale, ma il viaggio in sé, perché viaggiare implica conoscere e conoscere implica migliorare. 

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.