Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.paranoidpark.it/home/wp-includes/post-template.php on line 293
mercoledì, Ottobre 16, 2019
Il Parco Paranoico

Motorpsycho – Live @ Teatro Partenio (Avellino, 30/05/2019)

“The Crucible” è il lavoro più progressive dei Motorpsycho ed è quello su cui, essenzialmente, si basa quest’ultimo tour, con brani quali “Psychotzar”, “Lux Aeterna” e “The Crucible”, in grado di donare grandi emozioni nel pubblico presente al Teatro Partenio di Avellino. Ma il live della band norvegese non è solamente basato sulle sonorità prog-metal dell’ultimo album in studio, vi sono continue incursioni e cavalcate nelle sfere dello stoner rock e dell’epic metal, della psichedelia e del free jazz.

La serata di quasi tre ore passa via velocemente, tra riff oscuri e possenti, passaggi più epici, suadenti e melodici, lunghe divagazioni sperimentali che non sono mai ridondanti o stancanti, ma che riescono ad avvolgere ogni singolo ascoltatore e proiettarlo nello spazio intimo della sua coscienza. Come già accade con l’ultimo disco, i Motorpsycho riescono a far assaporare agli astanti le atmosfere ed i profumi della Terra di Mezzo, immersa nell’eterna battaglia tra la Luce e l’Oscurità, tra la bellezza dell’Equilibrio e la furente follia del Caos.

La grandezza di questa band è metter a fattor comune le proprie esperienze passate, guardarsi attorno, lasciarsi attraversare da ciò che di bello esiste non solo nel mondo della musica e dare vita ad un sound originale, intenso e mai prevedibile, mescolando alla perfezione tutti gli elementi del Creato: il fuoco rubato agli antichi dei e la spietatezza degli oceani, l’immensità del cielo e la forza nascosta nel cuore più profondo della terra.

Ascoltare un loro disco ed ancor di più prender parte ad un loro show, è come leggere un libro: il filo della narrazione è sempre ben presente e tracciato con sapienza e sicurezza, i suoni ci trasportano in un mondo fantastico che la band, immagine dopo immagine, sta costruendo attorno a noi. In fondo nella nostra intimità esistono già tanti luoghi inesplorati e misteriosi ed i Motorpsycho ci stanno mostrando il sentiero per arrivarci, senza perdersi nei nuvolosi meandri delle nostre più irrazionali ed ataviche paure.

Partecipare all’esibizione non è semplice, è necessario instaurare un rapporto bidirezionale con la band: lasciarsi plasmare dalla loro musica, fare in modo che essa possa risvegliare i nostri sensi addormentati, ma allo stesso tempo concedere tutta la propria attenzione ed il proprio impegno a recepire, senza barriere e pregiudizi mentali, tutto ciò che di straordinario sta avvenendo sul palco.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico, ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). Gestisce una propria pagina di resistenza poetica "CheckPointCharlie" (www.checkpointcharlie.it), oltre che collaborare con la webzine "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com). Contatti: postmaster@paranoidpark.it

Comments are closed.