mercoledì, 3 Marzo, 2021
Il Parco Paranoico

Finis Terrae, Storm{o}

Mik Brigante Sanseverino 9 Ottobre, 2019 Dischi Nessun commento su Finis Terrae, Storm{o}

Gli Storm{o} si spingono oltre ogni possibile confine; laddove le barriere personali crollano e sono possibili solamente due strade: o crollare assieme a esse o condividere il proprio ignoto futuro col mondo che ci sta attorno, con le persone che ci sono vicine.

La nostra esistenza, spesso, si riduce a tutta una serie di atti meccanici e ripetitivi, che compiamo, giorno dopo giorno, credendo che questa routine, questa apparente sicurezza, questa finta indipendenza economica, questi banali aperitivi del venerdì sera e queste cene in salotto con gli amici, siano la felicità, ma non è così: la felicità è altrove, la felicità è aldilà. È aldilà dei confini mentali ed anche fisici che abbiamo costruito per proteggere le nostre piccole comodità, per sentirci appagati perché abbiamo una casa, un’auto ed un lavoro, per continuare a fingere ovunque con noi stessi e con gli altri.

Ci siamo trasformati in dei mostri di ipocrisia e ci siamo chiusi dentro il vaso di Pandora, fingendo di essere certi che quello spazio buio, angusto e ristretto sia il miglior mondo possibile; non usciremo mai dal vaso spontaneamente, perché abbiamo troppa paura di quello che c’è fuori e soprattutto di perdere quello – ben poco – che c’è dentro. Solo affidandoci alla verità delle nostre emozioni più spontanee ed ai nostri sentimenti più viscerali potremmo intravedere un po’ di luce e causare qualche piccola crepa nelle pareti di indifferenza ed insensibilità di questo dannato vaso. Ben venga, allora, tutto ciò che è in grado di risvegliare il nostro spirito critico, tutto ciò che è in grado di scuoterci dal torpore di questi giorni perfettamente identici gli uni agli altri; ben vengano i dodici pezzi di questo nuovo album, “Finis Terrae”, ricchi di sonorità hardcore e post-metalliche, crudi nella loro incisività e sfrontatezza, in maniera tale da riproporre anche sul disco quelle atmosfere e quei sapori caldi e prorompenti di un’esibizione dal vivo e sferzare così le nostre coscienze, tramortite dai confini, sia fisici, che mentali, che esse stesse hanno contribuito a costruire, credendo, erroneamente, di proteggersi da quelle insicurezze, da quelle paure, da quelle sciocchezze che un sistema di potere corrotto e conservativo continuava ad iniettare nelle nostre esistenze.  

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra cui la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.