giovedì, Dicembre 12, 2019
Il Parco Paranoico

Spirit Counsel, Thurston Moore

Mik Brigante Sanseverino Ottobre 11, 2019 Dischi Nessun commento su Spirit Counsel, Thurston Moore

“Spirit Counsel” è ideologicamente e fisicamente suddiviso in tre parti nelle quali, a differenza dell’album precedente, Thurston Moore da maggior enfasi al suo lato sperimentale ed avanguardista, lasciando in secondo piano quello più propriamente indie-rock. Una divisione in tre parti che non è solo spaziale, ma anche temporale.

“Alice Moki Jane” rappresenta il presente; è l’omaggio che Thurston fa a tre donne ed alla loro capacità di rapportarsi, tramite la propria arte, alla vera essenza dell’Universo che ci circonda e pervade. Alice Coltrane, Moki Cherry e Jayne Cortez rappresentano l’impegno musicale, civile e poetico; esse rappresentano la forza costruttiva che si oppone al disordine ed al caos verso cui tenderebbe l’essere umano. L’essenza delle cose, infatti, è immersa in una foschia che noi stessi costruiamo ed alimentiamo e che ci impedisce di vivere a pieno le nostre piccole esistenze; “Alice Moki Jane”, con le sue sonorità più eteree, le sue melodie ipnotiche, le sue divagazioni elettroniche e le sue improvvise esplosioni strumentali, ha il compito di portare in superficie ciò che è nascosto sul fondo oscuro e limaccioso delle nostre coscienze. In un certo senso questo primo disco ha una forte connotazione sociale e politica: il suo obiettivo è abbattere le barriere ed i confini esistenti, permettendoci di aprirci al mondo esterno e di conoscerlo senza farsi influenzare da paure irrazionali ed immotivate.

Più intimo e introverso è il secondo disco, “8 Spring Street”, che deve il nome all’ex indirizzo di Glenn Branca, compositore e chitarrista d’avanguardia le cui intuizioni sono state fondamentali per i Sonic Youth. Questo lungo brano rappresenta la dimensione passata; esso è intriso dei sapori e dei profumi di una Manhattan che non esiste più. È come fissare una vecchia foto e respirare l’atmosfera fumosa e carica di tensione di un appartamento di SoHo; rivivere le serate trascorse tentando di trasformare rumori apparentemente disordinati e caotici in un’opera d’arte unica, in sonorità taglienti e distorte che fossero in grado di scavare un solco profondo nelle nostre anime.

L’ultimo disco, “Galaxies”, è lo sguardo volto verso il futuro, una vera e propria poesia astrale suonata da una ensemble di ben dodici chitarristi e dominata da sonorità ambient, trance e psichedeliche. Un brano orchestrale che esplora, attraverso le dodici corde, i misteri del cosmo e che idealmente, mediante i riferimenti alle opere, ai versi ed alla filosofia di Sun Ra, si riallaccia al disco iniziale, al suo jazz elettronico, alle atmosfere rarefatte ed oniriche , a quell’energia che scorre attraverso tutto l’Universo e che oltrepassa le limitate percezioni ed incomprensioni umane.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.