giovedì, Novembre 21, 2019
Il Parco Paranoico

Torneremo Ancora, Franco Battiato

Mik Brigante Sanseverino Ottobre 23, 2019 Dischi Nessun commento su Torneremo Ancora, Franco Battiato

Ogni attimo è unico. Se tenessimo sempre a mente questa semplice considerazione, probabilmente non sprecheremmo le nostre giornate a perseguire obiettivi inutili e riusciremmo davvero a vivere un’esistenza immune da egoismi e gelosie. Ciò che “Torneremo Ancora” vuole cercare dentro di noi è la libertà, che non significa semplicemente fare ciò che ci pare e gettare via le nostre vite, ma essere capaci di sfruttarne ogni minuto, in armonia col mondo circostante, senza aver paura di non poter essere noi stessi e senza cercare di nascondere con la prepotenza e la prevaricazione la propria insicurezza.

“La vita non finisce” e nulla è perduto per sempre, c’è sempre la possibilità reale di ripartire, di rinascere, di risvegliarsi dal sonno e di tornare in quei luoghi che credevamo d’aver smarrito. Luoghi che non sono solo fisici o geografici, ma che possono rappresentare anche dei ben definiti stati mentali ed emozionali. Ciò che traspira dai versi del cantautore catanese è la consapevolezza dell’eternità dei nostri sogni e dei nostri sentimenti; essi non andranno mai sprecati o distrutti, non moriranno mai, ma faranno parte di un ciclo infinito di trasformazioni che conserveranno, per sempre, la traccia del nostro passaggio, l’orma indelebile della nostra unicità e della nostra umanità. È questa la Bellezza, la vera Bellezza, quella che prescinde dalla materia, dalla forma, dalle caratteristiche fisiche dei corpi, ma che è pura energia. Pertanto, essendo una forma di energia, è evidente che non possa essere distrutta, ma possa solo diventare qualcos’altro; essa farà per sempre parte di questo Universo; è la testimonianza più concreta e plausibile del soffio amorevole e creativo di Dio.

L’infinito è insito in noi, quando lo avvertiamo non possiamo fare a meno di commuoverci, di ridiscutere quelle che sono le nostre priorità. Forse siamo davvero degli angeli caduti, senza più memoria di sé stessi; creature che si sono ammalate, contaminandosi di rabbia e violenza, d’ingordigia e bramosia, di orgoglio e falsità, d’ipocrisia ed ottusità e che ora tentano di guarire. Ma come ogni guarigione, si tratta di un processo lungo e difficile, che richiede impegno e soprattutto la forza di distaccarsi da tutte quelle cose che riteniamo importanti, ma che, invece, non fanno altro che renderci ciechi. Per quanto le nuvole si affannino e si diano da fare, non potranno mai cancellare il Sole; il Sole è sempre lì, al suo posto, sta a noi ritrovarlo. Sta a noi ritrovare ciò che abbiamo perso, sta a noi ritornare ancora ed ancora ed ancora.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.