venerdì, 4 Dicembre, 2020
Il Parco Paranoico

When I Have Fears, The Murder Capital

Mik Brigante Sanseverino 5 Novembre, 2019 Dischi Nessun commento su When I Have Fears, The Murder Capital

Una tavolozza di malinconia, cieli plumbei e la necessità di esprimere i propri sentimenti prima che sia troppo tardi e l’urgenza del Tempo annienti tutto ciò che ci sta a cuore, sono gli ingredienti principali di questo lavoro degli irlandesi The Murder Capital, “When I Have Fears”. Da un punto di vista sonoro, invece, sono evidenti le trame post-punk delle chitarre mescolate alle nostalgiche sfumature di piano e violino che ci riportano verso il mondo dei Joy Division.

La band irlandese riesce a costruire, in funzione del brano, atmosfere differenti: se “More Is Less” o “Feeling Fades” sono più intense, nervose ed arroventate, “Slowdance” parte I e II danno vita ad un muro sonico carico di passione darkwave e gothic rock, “Twisted Ground” è pura melodia e necessità di guardarsi dentro ed affrontare le proprie paure. Paure che possono anche portare a scelte estreme come quella di rinunziare a vivere e combattere, ma seppur in certi passaggi sembra quasi che The Murder Capital vogliano assecondare il destino – che appare come un enorme masso a cui

non possiamo opporci, perché esso ci travolgerà comunque – il messaggio finale, affidato alla conclusiva “Love, Love, Love”, è di affidarsi all’unica forza capace di costruire legami più forti del tempo e persino della morte, a patto che non ci facciamo prendere dal potere erosivo e corrosivo della modernità fluida di questi tempi ipersonici e riusciamo a tenerci vicino tutte le persone che ci stanno a cuore.

La fine diviene qualcosa di concreto ed imminente, come suggerisce lo stesso titolo del disco – ispirato ad una poesia di Keats. L’altro lato è già qui, accanto a noi da sempre e solo se avremo qualcuno a cui stringer la mano, riusciremo a non esserne immediatamente risucchiati dal mondo spettrale che si agita inquieto in “Green & Blue”, mentre tutto ciò che siamo, tutto ciò che abbiamo fatto, tutto ciò a cui abbiamo rinunziato, tutto ciò che abbiamo desiderato, si trasforma nelle immagini in chiaroscuro che restano scolpite nelle nostre menti.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra cui la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.