giovedì, Novembre 21, 2019
Il Parco Paranoico

Angel In The Detail, The Legendary Pink Dots

Per chi non lo sapesse The Legendary Pink Dots è una band che gira il mondo dall’80 e che ha attraversato il rock d’avanguardia e la psichedelia, il post-punk ed il dream-pop, costruendo, nel tempo, un proprio universo sonoro fatto di suoni oscuri, a volte minimali, testi criptici, corse improvvise verso i limiti sconosciuti del cosmo, inattese armonie che potessero rendere meno sinistre e dolorose le insignificanti e trascurabili esistenze umane.

La loro musica, anche in questo nuovo album, “Angel In The Detail”, è costituita da diversi strati intrecciati tra loro, apparentemente sembra che sia facile districarsi nel labirinto di atmosfere surreali, improvvisazioni psichedeliche, dinamismo funky e ripetuti campionamenti, ma poi ti ritrovi a vagare in territori inesplorati e misteriosi, eppure all’inizio ti sembrava tutto così rassicurante, tutto così familiare. All’inizio era tutto così luminoso, così visceralmente barrettiano, ma adesso ci ritroviamo tra suoni e rumori sperimentali, voci contorte e devianti. Stiamo sognando? Cosa accadrà se riapriremo gli occhi? Quale diavoleria tecnologica ci ha condotto così lontano da casa?

Il conflitto tra i veri ed essenziali bisogni umani e la società iper-tecnologica in cui viviamo ed a cui, spesso, ci pieghiamo e conformiamo, agita le viscere di “Angel In The Detail”, perché c’è l’amara consapevolezza che, ormai, non solo le nostre piccole scelte, ma anche le scelte più grandi, compiute dalla società e dalla politica, sono volte, soprattutto, a preservare la dimensione tecnologica delle nostre esistenze, quelli che consideriamo elementi indispensabili delle nostre vite, tralasciando sempre più l’aspetto relazionale e sociale che, invece, è quello che caratterizza e distingue gli esseri umani. Da ciò vengono i suoni cupi e spigolosi del disco, il minaccioso minimalismo di fondo, le sbrigative e violente dissonanze pinkfloydiane, che colorano il presente, ed ancor più il futuro, di tinte fosche e pessimistiche. Persino l’amore, il sentimento più puro, diviene qualcosa di configurabile ed artificiale, impostabile a proprio piacimento, servendosi di un semplice manuale d’istruzioni, mentre la nostra umanità, intanto, va sempre più a farsi fottere su isole sperdute nelle profondità recondite della galassia sulle quali, forse, solo un angelo potrebbe arrivare.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.