lunedì, Dicembre 9, 2019
Il Parco Paranoico

In The Silence Electric, Julie’s Haircut

Mik Brigante Sanseverino Novembre 19, 2019 Dischi Nessun commento su In The Silence Electric, Julie’s Haircut

I Julie’s Haircut si muovono a proprio agio nelle sonorità psichedeliche, elettroniche e post-rock, dando vita a canzoni nelle quali la soglia del rumore si alza e si abbassa continuamente, in maniera suadente e piacevole, tra le trame tenui, leggere e lisergiche dei synth ed i bruschi e lancinanti feedback delle chitarre.

“In The Silence Electric” sa essere, allo stesso tempo, urgente e meditativo, con improvvisi lampi di luce, esaltati ed arricchiti dai sax, ad illuminare la notte; ma per quanto la luce sia intensa e folgorante, ben presto il buio riprenderà il sopravvento ed avvolgerà tutto quello che circonda, compresa la nostra razionale capacità di percepire il tempo e lo spazio.

Ciò ci porta ad oltrepassare il limite della realtà e della materia, ritrovandoci così a vagare in una dimensione fluida e spirituale in cui le sonorità darkwave annegano nella nostra stessa mente. Ci ritroviamo così persi sotto strati e strati di suoni diversi che si intrecciano e confondono tra loro, conferendo al disco uno spessore drammatico ed inquietante, come se si trattasse di una colonna sonora che accompagna un’immersione nelle profondità più oscure e pericolose dell’oceano.

Penetriamo in un grembo misterioso; sentiamo che c’è qualcosa attorno a noi e ne siamo impauriti; perdiamo i nostri abituali riferimenti; parole come “sopra” o “sotto”, “prima” o “dopo”, “vicino” e “lontano” non hanno più alcuna importanza: ci sentiamo impotenti ed incapaci a determinare il nostro destino, mentre gli echi e le voci di “In Return” continuano a tornare, minacciando il nostro cammino. Ma siamo davvero sicuri di muoverci? Annegret Soltau, nell’opera rappresentata sulla copertina dell’album, raffigura esattamente ciò che ci sta accadendo: c’è qualcosa che ci opprime, che non ci permette di mettere perfettamente a fuoco i dettagli, crediamo di avere gli occhi aperti, ma in realtà stiamo guardando dentro di noi. Avvertiamo l’ansia, la confusione, il disordine, siamo giunti finalmente oltre i confini di quel mondo che ci hanno sempre venduto come il migliore, come l’unico che potesse garantirci una vita tranquilla e pacifica e che ci permettesse di realizzare i nostri sogni. Ed ora che quei sogni, quelli veri, li stiamo guardando davvero, ci sentiamo diversi, ci sentiamo vivi.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.