mercoledì, 28 Ottobre, 2020
Il Parco Paranoico

A Beautiful Thing: Idles Live at le Bataclan, Idles

Dopo due apprezzabili album, il compassionevole “Joy As An Act Of Resistance” e l’incisivo e diretto “Brutalism”, gli Ildes hanno deciso fosse giunto il momento di mettersi a nudo e confrontarsi col proprio pubblico e con sé stessi, affrontando un estenuante 2019 di esibizioni dal vivo che ha avuto, tra i suoi momenti più intensi e significativi, l’esibizione parigina al Bataclan, luogo che è viva testimonianza di ciò a cui possono condurci l’odio, la follia e la violenza.  

Questo disco non è eccezionale dal punto di vista della performance offerta dalla band inglese, né lo è dal punto di vista della qualità delle registrazioni, ma ha il grande pregio di catapultare l’ascoltatore al centro del concerto; gli fa provare tutta l’eccitazione, l’attesa, il sapore e la fatica dello spettacolo; gli permette di risvegliare le energie sopite in ciascuno di noi e di condividerle con chi ci è vicino.

“A Beatiful Thing” è un album urgente ed estremamente vulnerabile, senza sovrastrutture o veli dietro cui nascondersi; le sonorità post-punk sono vivide, grezze e riescono a toccare in profondità l’animo degli ascoltatori, mettendo il dito nelle ferite aperte che abbruttiscono il nostro mondo. Intolleranza, rabbia, odio e paura sono questi i sentimenti che, oggi, condizionano le nostre scelte di vita e costruiscono quella che è la nostra società. Una società, estremamente fluida e precaria, senza alcun riferimento stabile, maturo e duraturo, che bada solamente al reddito ed alla ricchezza immediata, che considera la povertà ed i poveri come una malattia da evitare e con cui non avere rapporti, che risponde alle sofferenze altrui voltandosi dall’altro lato, sbarrando i propri confini, erigendo i propri muri e chiudendosi nelle proprie case e nei propri quartieri benestanti.

L’uscita, la fuga, l’abbandono sono molto più rassicuranti rispetto al fatto d’esser parte integrante di una vasta, complessa ed eterogenea comunità; almeno è quello che vogliono inculcarci i nostri politici ed i nostri governanti. Forse perché se restiamo soli, saremo sicuramente più deboli, più impauriti, più condizionabili e quindi più facili da controllare. L’obiettivo della band di Bristol è quello di mostrare come, attraverso la musica, persone apparentemente diverse possono ritrovarsi assieme, provare empatia l’una per l’altra e chiedere una società più giusta, più solidale, più pacifica, più compassionevole, nella quale la parola d’ordine non sia più “exit”.  In questo approccio sociale e politico, aldilà delle disomogeneità e delle spigolosità del live, c’è la grandezza degli Idles, una band che vede nella musica lo strumento con cui celebrare la nostra umanità. Ne abbiamo davvero bisogno, tutti; soprattutto ora che nuovi venti di guerra stanno iniziando a soffiare sul mondo.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.