venerdì, 4 Dicembre, 2020
Il Parco Paranoico

Section, A Projection

Mik Brigante Sanseverino 8 Gennaio, 2020 Dischi Nessun commento su Section, A Projection

“Section” è un disco che si mostra al meglio nelle notti dal cuore cupo e torbulento, quelle in cui il Tempo perde la sua consistenza e la sua deplorabile urgenza. Tutto ciò che ci circonda appare molto diluito, essenziale e sfumato, mentre, intanto, balliamo, muovendoci con leggerezza, come se fossimo le esili ombre di qualcosa che è già avvenuto o forse non avverrà mai; come fossimo le tracce di pensieri che risuonano nell’aria rarefatta.

La band svedese ama mescolare la melanconia gotica con le taglienti sonorità post-punk, guardando un po’ agli anni Ottanta dei Tre Ragazzi Immaginari, dei Joy Division o dei Depeche Mode, ma riuscendo, con naturalezza e semplicità, a restare fedele alle sue armonie ed ai suoi paesaggi trasparenti. Ascoltando l’album, infatti, si ha come l’impressione di guardare il mondo da dietro uno specchio non perfettamente liscio e lavorato; cosa sono questi bagliori improvvisi? Sono reali o è semplicemente il frutto della nostra immaginazione che sta andando, probabilmente, a pezzi?

Se pensiamo di aver toccato il fondo, se pensiamo di trovarci davanti ad un vicolo cieco, è il momento di cambiare perché solamente il cambiamento ci permetterà di restare fedeli a noi stessi, al nostro spirito, a ciò che abbiamo amato ed ha motivato le nostre scelte passate; questo, in fondo, è ciò che è capitato agli A Projection, dopo gli album “Exit” e “Framework”, sono cresciuti trasformandosi e cambiando, senza però perdere nulla del proprio gusto estetico originario e della propria poetica darkwave, riuscendo, addirittura, ad aggiungere lampi improvvisi di colore sulla propria tela sonora.

La vita reale, in fondo, è proprio questo: una serie di perdite e di scoperte inattese, di linee dritte e di incroci che non sapevamo dover attraversare. L’importante è affrontarli sempre con la stessa onestà, restando sé stessi, mantenendo le proprie idee e le proprie passioni: questo è l’unico modo possibile per essere veri e toccare l’animo dei propri ascoltatori, altrimenti il rischio è quello di essere semplicemente una cometa sullo sfondo del dance floor.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra cui la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.