lunedì, 1 Giugno, 2020
Il Parco Paranoico

In visioni di notturna tenebra, scenari gothic rock

Quando sentiamo parlare di anni Ottanta ci vengono, quasi sempre, in mente i suoni sintetici ed artificiali di quel colorato pop-rock che dominava incontrastato le classifiche dell’epoca. Ma quegli anni furono caratterizzati anche da fenomeni musicali ed artistici più “sotterranei” ed ai tempi meno noti: alcune band mutuarono la propria estetica, la propria poetica e le proprie sonorità dal glam e dal post-punk, dalle pellicole horror e noir, dai versi sepolcrali di poeti quali Edward Young, Thomas Gray, George Gordon Byron o Percy Bysshe Shelley e dalle opere letterarie di autori quali Edgar Allan Poe, Bram Stoker, H.P. Lovecraft o Mary Shelley.

Questo fenomeno, con tutte le sue diverse sonorità, influenze e tendenze, oggi è conosciuto come gothic rock e tutti hanno almeno sentito solamente nominare band del passato come i Bauhaus, i Sisters Of Mercy o i Damned, ma, all’inizio, era tutto molto più nascosto e sconosciuto, almeno finché non giunse il grande successo commerciale di band come i Cure o i Depeche Mode. Oggi tutto ciò è alle spalle, tante band sono divenute parte integrante della storia del rock ed anche quel boom commerciale si è estinto, ma ciò nonostante l’anima più oscura, torbida ed inquieta del rock continua a vivere, spesso nascosta, conservando la poesia dei suoi crepuscoli e, come recitano i versi di Edgar Allan Poe nella poesia “Un sogno”, perdendosi nelle sue visioni notturne a metà strada tra l’illusione e la realtà, il cuore e la ragione, la vita e la morte: “In visioni di notturna tenebra / spesso ho sognato svanite gioie / mentre un sogno, da sveglio, di vita e luce / m’ha lasciato col cuore implancato”.

I “Black Angel”, con il loro recente “The Widow”, con le proprie ossessioni e le classiche sonorità dark e post punk, rientrano a pieno in questi versi, in quella fioca luce che si agita e tremola durante le lunghe notti di tempesta (The Widow, Black Angel – 26 Aprile 2019, Solid Recordings).

La stessa tempesta che i brasiliani Tomb Of Love hanno saputo trasformare e plasmare a proprio piacimento, con l’EP “Reminder Of Our Failure”, mostrando come l’impeto, l’intensità e la ferocia del death e del doom metal possano essere diluite ed innestate, con naturalezza e grazia, su scenari e panorami d’ispirazione dark (Reminder Of Our Failure, Tomb Of Love – 11 Febbraio 2019, Resitência Underground Prods.).

Mescolare le diverse influenze è un po’ come intrecciare le diverse scene di un film, dare loro un senso spaziale e temporale; costruire così la propria narrazione, una narrazione che può essere cinematografica e musicale, acustica e visuale, sonora e verbale, emotiva e mentale, ordinata e caotica, immaginifica e razionale, proprio come accade nel mondo cupo e visionario che fa da sfondo ai “The Kentucky Vampires” ed il loro omonimo album (The Kentucky Vampires, The Kentucky Vampires – 17 Novembre 2018 From the Coffin Productions).

Perché è difficile comprendere la luce se non si conosce anche il buio, così come è quasi impossibile apprezzare la nostra stessa vita, i rapporti umani sui quali possiamo fare affidamento, i nostri legami con alcuni luoghi ed alcune persone speciali, se non comprendiamo davvero – spesso, purtroppo, soffrendo e perdendo – cosa sia l’abbandono, cosa sia la solitudine, cosa sia la fine, cosa sia il lutto. Solo così, forse, riusciremo ad esser capaci di lasciar andare e non dare importanza a tutto ciò che è stupido, vago o inutile, liberandoci, finalmente, da quella spirale d’ansia che ci appiattisce e impoverisce, impedendoci di trovare il finale lieto che cercano i Wax Idols di “Happy Ending” (Happy Ending, Wax Idols – 14 Maggio 2018, Etruscan Gold Records).

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.