venerdì, 4 Dicembre, 2020
Il Parco Paranoico

Physical Graffiti, Led Zeppelin [45 anni]

Tutto incomincia con il riff di “Custard Pie”, allo stesso tempo minaccioso ed inebriante, sensuale e lascivo, nel quale gli Zeps richiamano ed omaggiano sè stessi, guardando alle sonorità di brani passionali come “Whole Lotta Love” o “Communication Breakdown”, ma, contemporaneamente, compiono il loro sacrificio agli déi ancestrali, irascibili, vendicativi e carnali del Blues. Il tutto mentre John Paul Jones veste di sfumature elettriche e misteriose le sonorità del suo clavinet e John Bonham fa tremare, letteralmente, il cielo e la terra; e pensare che il primo avrebbe desiderato, all’epoca, ritirarsi nel coro della Cattedrale di Winchester ed il secondo era sempre più devastato, nell’anima e nel corpo, dai suoi turbolenti e distruttivi eccessi.

Ma dopo i primi cinque straordinari e già leggendari album, la band inglese era ormai decisa a prendere completamente il possesso del proprio destino e celebrare la sua fama: il primo progetto era fondare la propria etichetta discografica – la “Swan Song Records” – ed il secondo era quello di produrre una pellicola – “The Song Remains The Same” – che potesse essere sia la testimonianza reale della loro musica e dei loro show, che la rielaborazione visuale delle idee, dei concetti, dei miti, delle storie, delle emozioni e delle passioni che avevano consentito alla loro musica di essere tale. Ed in tal senso l’immagine di Apollo, dio delle arti, con le ali aperte, come un grandioso e stupefacente cigno, simboleggia alla perfezione la bellezza della musica e della poesia dei Led Zeppelin, la loro importanza, il loro essere, ormai, un riferimento per tante altre band.

Ma laddove c’è la luce, c’è sempre il buio più profondo – “deus est tenebra in anima post omnem lucem relicta” – e così Apollo può trasformarsi in Lucifero e lasciare che l’aspetto più tenebroso, inquietante e distruttivo del suo potere prenda il sopravvento. La lotta intestina e viscerale tra il Bene ed il Male, dunque, non avrà mai fine ed è essa, in fondo, il motore mistico che consente a questo nostro Universo di funzionare e di rinascere continuamente dalle sue stesse macerie: un infinito susseguirsi di albe e di tramonti, nel quale l’amore contemplativo e la passione sessuale accumulano e poi liberano la propria energia, proprio come avviene in “Houses Of The Holy”, brano tagliato dal precedente disco che trova il suo spazio e la sua dimensione in “Physical Graffiti”, nel quale è evidente come qualcosa che possiamo ritenere naturale, quasi banale, e cioè l’attrazione di un giovane per una donna, in realtà, contiene in sé il seme stesso della nostra essenza.

Il giardino che va inseminato è il corpo di entrambi, è la mente di entrambi, è tutto ciò che li circonda; e la musica, col suo volto luminoso ed oscuro, col suo tocco apollineo e luciferino, razionale ed impetuoso, con la sua capacità di costruire dal nulla o distruggere tutto ciò che pensavamo avesse importanza, è uno strumento ottimo col quale raggiungere questo scopo. Il seme permetterà al giardino di rinascere in una consapevolezza sempre più grande. Questa è la vera magia, questa è la strada di “Kashmir”, la strada che non avrà mai fine, la strada che rappresenta non l’esperienza personale di questo o quell’individuo, ciò sarebbe troppo limitante e legato ai ristretti margini spazio-temporali delle nostre passeggere esistenze, ma è l’insieme di tutte le energie aggreganti e disgreganti che pervadono, allo stesso tempo, sia l’intero Universo, che ciascuno di noi. Kashmir non è un semplice luogo fisico tra India e Pakistan, non è un suggestivo ed indimenticabile viaggio nel silenzio assordante del deserto, ma è il raggiungimento della vera consapevolezza, il luogo esistenziale in cui non siamo più ciechi, ma riusciamo a vedere persino la tenebra celata nell’anima di Dio.

Pubblicazione: 24 febbraio 1975
Durata: 82:15
Dischi: 2
Tracce: 15
Genere: Hard-rock
Etichetta: Swan Song Records
Produttore: Jimmy Page
Registrazione: luglio e dicembre 1970, gennaio–marzo 1971, maggio 1972, gennaio–febbraio 1974

1 – Custard Pie – 4:09
2 – The Rover – 4:35
3 – In My Time Of Dying – 5:13
4 – Houses Of The Holy – 3:44
5 – Trampled Under Foot – 5:18
6 – Kashmir – 3:08
7 – In The Light – 2:44
8 – Bron-Yr-Aur – 5:29
9 – Down By The Seaside – 4:09
10 – Ten Years Gone – 5:13
11 – Night Flight – 5:29
12 – The Wanton Song – 4:09
13 – Boogie with Stu – 5:13
14 – Black Country Woman – 4:09
15 – Sick Again – 5:13

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra cui la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.