venerdì, 5 Giugno, 2020
Il Parco Paranoico

Ataraxy, Brunt

Mik Brigante Sanseverino 28 Marzo, 2020 Dischi Nessun commento su Ataraxy, Brunt

“Ataraxy” è una miscela strumentale di sonorità stoner metal e post-rock, che alterna, di conseguenza, passaggi più melodici e riflessivi ad altri che sono più massicci e minacciosi. Due fari, dunque, pervadono il nuovo album dei Brunt: i suoni materiali, claustrofobici ed oscuri del corpo fanno da contraltare a quelli più spirituali, luminosi e d’ampio respiro dell’anima. Ma i due approcci non sono mai nettamente disgiunti tra loro, vi sono cambiamenti ritmici continui, i suoni diversi si compensano, si addentrano l’uno all’interno dell’altro, creando un unico filo musicale e ciò è evidente sin dal primo brano, “The Grauballe Man”, nel quale l’ascoltatore può perdersi in paesaggi ed atmosfere ipnotiche e psichedeliche, per poi essere risvegliato da torbide e vorticose esplosioni metal e post-grunge.

Non c’è mai un unico riferimento, “Light Of The Mire” segue un percorso progressive metal, che viene immediatamente sottoposto a fragorosi bombardamenti stoner e sludge metal, mettendoci dinanzi alla cruda realtà del mondo circostante, proiettando su di esso i nostri sentimenti e stati d’animo più intimi. “Ataraxy” riesce, allo stesso tempo, sia a liberare le nostre emozioni celate, a far sì che esse entrino in contatto con l’esterno, sia a riportare nel nostro inconscio quelle che sono le nostre percezioni, tutto ciò che i nostri sensi riescono a catturare, conoscere ed assimilare.

Un’esperienza unica che la musica può, ovviamente, amplificare e che non ha solo valenza nel contesto personale del singolo individuo, ma può trasformarsi in un’esperienza condivisa e mettere in relazione il dentro-fuori, l’apparente-nascosto, di ciascuno di noi con coloro che ci sono vicini. È qui che le sonorità space e psych rock riescono a dare il meglio di sé, a creare delle vere e proprie spirali soniche che è interessante percorrere e che ci permettono di esplorare territori emotivi e sensoriali completamente nuovi e sconosciuti, mentre i groove pesanti deflagrano su un background post-rock, lasciando spazio anche ad altri strumenti, come il flauto o il tamburo di “Ataraxy”, che riportano alle affascinanti atmosfere epic-rock che fanno da contorno alle storie mitologiche ambientate nel mondo di Arda o in altri luoghi simili. C’è l’ombra, c’è la luce, ed in mezzo, in questo magma incandescente di mille chiaroscuri elettrici, ci siamo noi, con le nostre parole ed i nostri silenzi, con i nostri sogni e le nostre necessità materiali, col nostro cuore e la nostra ragione, in un eterno completarsi e divenire, cadere e rinascere, finire ed iniziare.     

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.