domenica, 12 Luglio, 2020
Il Parco Paranoico

Casting The Circle, High Priestess

Mik Brigante Sanseverino 14 Aprile, 2020 Dischi Nessun commento su Casting The Circle, High Priestess

Le atmosfere di “Casting The Circle” sono drammatiche ed evocative; le cupe vibrazioni metalliche vengono diluite con passaggi psichedelici e melodie epiche ed ancestrali, a partire proprio dall’omonimo brano iniziale che ci introduce ai magici rituali delle tre sacerdotesse.

L’album, nel suo complesso, è omogeneo, ma senza cadere mai nell’appiattimento, visto che si passa dalle sonorità di “The Hourglass”, influenzate dal calore appassionato di stoner e psych rock, a quelle della lunga “Invocation” che mescolano doom e progressive metal, ossessioni infernali ed antichi riti pagani, momenti di luce, dolcezza e melodia ad altri che sono vere e proprie escursioni nei meandri più bui e caotici della psiche umana, in un continuo, dispendioso e dinamico equilibrio tra l’elemento materiale e quello spirituale, mentre ci muoviamo, in bilico, sull’orlo sottile che separa il Bene ed il Male, alla ricerca dell’elemento trascendentale e divino presente in ciascuno di noi.

L’album ha un suo incedere lento e sacrale, non si preoccupa affatto del frenetico fluire del tempo: vive il suo presente, ma le sue ombre si allungano minacciose verso un misterioso futuro, prendendo origine da qualcosa di mistico, elementare, potente, vivo, che è celato nel nostro lontano passato e che le voci intrecciate della suadente “Ave Satanas” tentano di risvegliare. Quasi come fosse l’ultimo tentativo di chiudere il cerchio e permettere ad un nuovo ciclo di incominciare, esorcizzando le ombre che incombono sul nostro povero e dilaniato mondo, tentando di creare un magma sonoro unico, costituito dalle antiche e tenebrose melodie di “Erebus”, dall’acidità più blueseggiante ed elettrica degli anni Settanta, dalle ossessioni tecnologiche serpeggianti nel metallo moderno, da profumi di incenso e mirra che ricordano civiltà delle quali restano solamente miti, leggende e magnifiche rovine.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.