mercoledì, 12 Agosto, 2020
Il Parco Paranoico

Hierophant Violent, Forlesen

Mik Brigante Sanseverino 22 Aprile, 2020 Dischi Nessun commento su Hierophant Violent, Forlesen

“Hierophant Violent” è una perfetta sintesi di elettronica ambient, rock post-industriale e black metal, scolpita in due tracce di circa diciotto minuti l’una, le quali si muovono, epiche e maestose, sul sottile confine tra post-rock e doom metal, tra il conscio e l’inconscio, tra ciò che rientra nella limitata sfera delle nostre conoscenze e tutto ciò che, invece, è avvolto dal mistero.

“Following Light” è più riflessiva, psichedelica e suadente, scorre dentro di noi, con calma e naturalezza, trasformandosi via, via che procede verso l’interno, nella tumultuosa, metallica e tenebrosa “Nightbridge”; i due brani, infatti, rappresentano le due facce della medesima Verità: sono i due lati della nostra Luna. Il lato conosciuto, razionale e rassicurante, con cui possiamo confrontarci ed interagire ogni giorno, e quello oscuro, passionale e nascosto nel quale sono conservati tutti i nostri dubbi, le nostre ansie ed i nostri timori.

Al fluire epico ed armonioso del primo brano si contrappongono le atmosfere cupe, meditabonde ed opprimenti del secondo brano, ma, nel complesso, il risultato è un album solido e coeso che riesce ad armonizzarsi con quelle che sono le nostre reali percezioni emotive ed i nostri incubi inconfessati, sciogliendo entrambi nel magma sonoro a cui synth, basso, batteria e chitarra danno vita, mentre ci liberiamo del guscio nel quale, finora, ci sentivamo sicuri e protetti; perché lasciarselo alle spalle è l’unica strada possibile per ottenere il controllo delle proprie scelte e superare tutte le nostre paure.

Ciò che ci troveremo davanti sarà terribile e stupefacente, ci apparirà come qualcosa di assurdo e straniante, ma solo attraverso la conoscenza di ciò che siamo dentro, potremo comprendere davvero gli altri ed il mondo circostante. È fondamentale, dunque, trasformarsi nei demiurghi di sé stessi ed attraversare il ponte che ci condurrà alle parti più profonde della nostra anima, facendoci immergere in esperienze sensoriali uniche che porteranno a galla tutto il male che ci opprime e condiziona e che, solo grazie al potere della musica ed al suo tocco magico, potremo riuscire ad esorcizzare una volta per tutte.  

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.