mercoledì, 12 Agosto, 2020
Il Parco Paranoico

THE FARM [di Pecore, Cani, Maiali e dei loro congiunti]

Il sogno dei Maiali era sempre stato quello di ridurre le Pecore e tutti gli altri animali a delle mere appendici produttive, svuotate di qualsiasi potere decisionale riguardo al presente, al futuro ed all’organizzazione della fattoria. Quest’ultima sarebbe restata, per sempre, nelle mani di Napoleon e dei suoi congiunti, i quali avrebbero dettato le regole, scritto le leggi, stabilito le priorità e giudicato chi fossero i buoni e chi i cattivi, chi i disonesti e chi i meritevoli, chi gli onesti e chi, invece, i bugiardi.

E ogni cosa sarebbe avvenuta sotto l’occhio vigile, attento, spietato e servile dei loro Cani da guardia, sempre particolarmente bendisposti a piegare e spezzare ogni forma di protesta e di dissenso, con la forza brutale e con l’appoggio dello sciame comunicativo dei social media che avrebbero continuato, imperterriti e fedeli, a spacciare l’unico dogma caro ai padroni: “Produci. Consuma. Crepa”.

Un dogma che per essere applicato e dare i suoi frutti richiede che i Maiali possano esercitare, con efficienza ed efficacia, il controllo della realtà, dimenticando – al momento opportuno – ciò che è necessario dimenticare, per poi ricordarsene quando torna più utile e fa più comodo. Sostenere una teoria e poi il suo esatto contrario, facendo dell’inganno e dell’ipocrisia i pilastri su cui costruire il proprio consenso ed il proprio potere.

Grazie ad essi, infatti, è possibile negare qualsiasi verità, ricostruire il passato a proprio piacimento, rendere tutto soggettivo, privando la massa delle Pecore degli strumenti necessari a distinguere il vero dal falso, la realtà dalla propaganda, facendo in modo che si convincano che questa immensa ignoranza sia il trionfo della propria libertà individuale e non, invece, la loro definitiva sconfitta e l’abdicazione di ogni processo razionale, di ogni metodo scientifico, di ogni schema affidabile, oggettivo e verificabile, per sostenere l’assioma suino del momento: che il mondo sia piatto; che la minor distanza per congiungere due punti sia una parabola; che 2 più 2 faccia 5 o 6 o 7; che alcuni gruppi umani siano superiori rispetto ad altri e che, dunque, esistano davvero vite indegne d’esser vissute; che, iniettandosi del disinfettante nel sangue o bombardandosi di raggi ultravioletti, sia possibile debellare e sconfiggere qualsiasi malattia.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.