martedì, 2 Giugno, 2020
Il Parco Paranoico

Feberdröm, Gaupa

Mik Brigante Sanseverino 7 Maggio, 2020 Dischi Nessun commento su Feberdröm, Gaupa

Lo stoner metal dei Gaupa è carico di tonalità oscure e distorte, terrificanti e malinconiche, proprie di un mondo fiabesco e crepuscolare. Ma ad esse si contrappongono la vibrante energia e gli intensi colori dei passaggi sonori più epici, folkeggianti, orientaleggianti e psichedelici, i quali si sposano alla perfezione con le divagazioni vocali di Emma Näslund, mentre tutt’intorno il Sole sembra essere rimasto sospeso in cielo in quello che è un eterno tramonto, in bilico tra le forze cupe e misteriose della notte e quelle rassicuranti e pacifiche del giorno. Sappiamo, però, che, per quanto possano essere buie e profonde le ombre che ben presto avranno la meglio sui suoi ultimi raggi e lo inghiottiranno, una nuova alba spunterà da quei meandri tenebrosi, così come una nuova vita continua a spuntare dall’inerme seme sepolto nelle viscere umide e fredde della terra.

Le sonorità di “Feberdröm” hanno un alone magico, caricano di elettricità l’aria e riescono ad esorcizzare ogni nostra tristezza ed ogni nostalgia, mostrandoci come la musica ci consenta di espellere tutta la negatività che si accumula, giorno dopo giorno, in noi e spingerla fuori, mentre, nel frattempo, le vibrazioni più positive del mondo circostante vengono convogliate dentro di noi. La musica, quindi, è un varco che mette in comunicazione il dentro ed il fuori, il nascosto ed il visibile, il pensiero e la percezione.

La band svedese utilizza tutte le frecce del sue arco, dando vita ad un album eterogeneo, ma allo stesso tempo coeso e generoso di scoperte ad ogni successivo ascolto: vi sono momenti più meditativi e lisergici che mettono in luce il lato più prog-rock dei Gaupa; altri, invece, sono robusti e pieni di chitarre possenti; ed altri, infine, rievocano le mitiche e suggestive atmosfere hard-rock ed heavy-blues degli anni Settanta, pur restando saldamente connessi a quello che è il nostro attuale presente, ai suoi enormi limiti, alle sue follie ed ai suoi moribondi blackout. Infatti, il vuoto evocato da “Vakuum”, nonostante l’apparente sensualità, è sempre in agguato, desideroso di assoggettarci ed impriogionarci in un eterno lockdown, mentre le paure più irrazionali e primordiali si insinuano nelle nostre menti e nei nostri cuori, nonostante i tentativi di resistenza di “Hjulet”, rovistandoli e depredandoli di ogni sentimento, di ogni ricordo, di ogni idea, di ogni capacità empatica, almeno finché il Sole psichedelico di “Alfahonan” non ritornerà a brillare, con prepotenza e spavalderia, sul nostro cammino.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.