mercoledì, 25 Novembre, 2020
Il Parco Paranoico

Beyond Darkness, Goden

Mik Brigante Sanseverino 11 Maggio, 2020 Dischi Nessun commento su Beyond Darkness, Goden

Spacewinds, The Prophet Of Göden e Goddess Of Night sono le tre entità immaginarie che ci accompagnano in questo viaggio attraverso le profondità inesplorate e minacciose del cosmo, consentendoci, contemporaneamente, di espandere quelli che sono i normali e prevedibili limiti delle nostre coscienze e permettendoci di scoprire lati nascosti della nostra personalità.

Le sonorità spaziali ed epiche di “Beyond Darkness” offrono, quindi, la possibilità di compiere, in parallelo, due viaggi: uno esteriore ed uno interiore, mentre le chitarre ed i sintetizzatori, in un intreccio di passaggi prog-metal, space-rock, death metal e doom – alternati ad intermezzi narrativi che sembrano provenire dai meandri più oscuri e pericolosi di una Mordor futurista – costruiscono le lente e massicce trame sonore su cui si sviluppa la storia. Una storia che sembra provenire da un remoto passato; da civiltà di esseri fantastici ormai estinte e risucchiate dal ventre oscuro della Terra; da un’era mitica ed eroica, ancora avvolta nelle nebbie fumose della creazione, nella quale le forze del Bene e del Male si combattevano veementemente per assicurarsi il completo ed incontrastato dominio del mondo.

“Glowing Red Sun” è un inizio appropriato, cupo e vibrante, un vero e proprio muro di suoni inquietanti e maestosi che si abbatte sugli ascoltatori, li svuota di ogni certezza, lasciandoli soli ed in balia delle loro paure, senza alcuna possibilità di trovare un appiglio o un nascondiglio. Nudi, alle mercé delle loro emozioni e delle loro percezioni, travolti da un flusso di coscienza che mescola, caoticamente, quelli che sono i nostri desideri inconfessati, i nostri ricordi più feroci, le nostre manie più irrazionali e tutto ciò che riescono ad intercettare e catturare i nostri sensi, mentre il nostro mondo, la luminosa e sfavillante città di New York, viene avvolta da una tempesta che ne risucchia ogni colore ed ogni energia positiva, lasciandola in preda alla disperazione ed alla rabbia, ingrigita e consumata, stritolata da un nemico invisibile e maligno che sembra godere nell’abbattersi sui rapporti sociali, nel renderli impossibili e nel distruggere qualsiasi manifestazione umana d’empatia, nel nome di un passato immortale e di un inverno che vuol durare per sempre, cancellando ed inghiottendo, in “Thundering Silence”, ogni altra stagione dell’uomo.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.