mercoledì, 12 Agosto, 2020
Il Parco Paranoico

Feral, RVG

Mik Brigante Sanseverino 12 Maggio, 2020 Dischi Nessun commento su Feral, RVG

“Feral” è una colonna sonora per i tempi moderni, stretti tra l’annientamento delle proprie secolari certezze, un drammatico isolamento, un morbo che amplifica le reciproche diffidenze e la voglia di riprendersi gli spazi perduti e di esprimere a pieno la propria indivualità, mentre le persone, sempre più frequentemente, indossano le loro maschere d’odio social e sputano giudizi affrettati, menzogne ed una rabbia irrazionale e gratuita contro chiunque non si conformi e non si sottometta a quello che viene considerato il modo “corretto” o “giusto” o “naturale” di vivere, di pensare, di esprimersi, di vestirsi, di amare.

Sembra un’esagerazione lirica, ma c’è davvero gente che darebbe volentieri fuoco a tutto quello che non riesce a comprendere e con cui non ha alcuna voglia di confrontarsi e mediare. Intanto la band australiana va avanti con il suo colorato ed accattivante miscuglio di sonorità garage, post-punk, new-wave ed indie-rock, in bilico tra le luci sfavillanti degli Smiths, la voglia di rompere gli schemi tipica delle avanguardie DIY, le morbidezza jangle-pop ed il grigiore devastante di questo 2020, tra riverberi, orizzonti cinematografici, melodie e parole che fluiscono veloci dentro di noi con l’obiettivo di smontare, pezzo per pezzo, la macchina dei facili pregiudizi e della sistematica diffamazione con domande semplici e dirette, cariche di ironia, impegno e poesia: “Cosa pensi di me?”.

E voi cosa pensate? Gli RVG riescono ad essere intimi e personali, ma allo stesso tempo si rivolgono alla collettività intera; si avverte una certa tristezza che potrebbe portare alcuni di noi a cadere nella solitudine, ma la voglia di aprire e rendere visibile il proprio mondo, di mostrare che non è abitato da mostri o diavoli, alla fine, è più forte e dona al disco una luce vibrante, coinvolgente e tutto sommato positiva. “Feral” è, dunque, un disco che nasce personale, ma diventa sociale e quindi politico; un lavoro che va ben oltre i sogni e le aspettative del singolo individuo e diventa un vero e proprio messaggio civile, un’esortazione ad essere critici, ad avere gli occhi aperti e non seguire, pedissequamente, quelli che vogliono un mondo piatto ed ordinato, prevedibile e scontato, un mondo bidimensionale nel quale loro sono dalla parte giusta e tutti gli altri dalla parte sbagliata. Questo creare ghetti e divisioni, limiti e muri invalicabili, questo costruire nemici inesistenti, questo credere che ogni cosa debba ridursi ad una questione di forza, d’onore o d’orgoglio, non fa altro che indebolirci, ci fa soffrire e non fa altro che allargare sempre più la distanza che ci separa e quel buco che si sta aprendo, purtroppo, al centro del nostro petto; un buco che, invece, dovremmo tentare di chiudere per sempre e l’unica strada possibile per farlo è quella dell’inclusività, l’amore più potente che esiste.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.