lunedì, 30 Novembre, 2020
Il Parco Paranoico

y? EP, Julia-Sophie

Mik Brigante Sanseverino 3 Giugno, 2020 Dischi Nessun commento su y? EP, Julia-Sophie

Quella di Julia-Sophie è un’elettronica “umana”, nel senso che le sonorità artificiali e sintetiche, sulle quali l’artista anglo-francese sviluppa le sue suadenti e malinconiche trame vocali, creano un flusso alternato di luci ed ombre, di gioie e dolori, di rabbia e passione, che rappresentano lo scorrere del fiume della vita.

Un fiume che ora è ampio e pacifico, ora stretto e vorticoso, ora è limpido e fresco, ora torbido e bollente; un fiume, nel quale, a volte, rischiamo di annegare e sprofondare per sempre; altre volte, invece, ci limitiamo, semplicemente, a galleggiare, senza esporci troppo, perché pensiamo che in questo modo non soffriremo più e nulla potrà più deluderci o addolorarci. Non è possibile, però, bagnarsi nelle medesime acque più di una volta, ogni istante che perdiamo è unico e prezioso; non tornerà mai più, per cui conviene viverlo, piuttosto che sprecarlo, restando in una perenne, silenziosa e sterile attesa.

Certo, ciò può essere rischioso, potremmo dover accettare perdite, rinunce, sacrifici e sconfitte, ma in fondo queste esperienze sono l’unico modo che abbiamo per poterci migliorare, per acquisire nuove conoscenze, per guardare più lontano, per sentirci appagati del nostro rapporto con gli altri e con il mondo circostante.

“I Left You” è una sfida ai dubbi ed alle ansie che, spesso, minacciano la nostra stabilità, stritolandoci con sensi di colpa, paure irrazionali, dipendenze psico-fisiche; è una canzone sulla privazione, sulla resa, ma, allo stesso tempo, è anche un incitamento a non accontentarsi, a cercare, a lottare per coloro che amiamo, a non aver paura dei nostri sentimenti, perché questo è l’unico modo di cui disponiamo per costruire un futuro più prospero. L’unica strada che possiamo percorrere per accettare il dolore, è quella della verità e della consapevolezza della nostra fragilità umana; intanto i suoni più eterei e quelli più incisivi si mescolano tra loro, “xox” assume un’area magica e cinematografica, luce ed ombra si rivelano per ciò che sono e le drum machine ed i sintetizzatori ci aprono le porte del nostro stesso inconscio, spingendoci a cercare i nostri ricordi più dolorosi, le delusioni più brucianti, le esperienze più negative. Riportarle alla luce, liberarle dalle ombre che danno loro forza, sostegno e sostentamento, trasformandole nei mostri disumani che ci limitano e minacciano, ci consente di esorcizzare il male, di riprendersi il proprio spazio vitale, di non doversi più nascondere e di poter essere, finalmente, sè stessi. Lo scopo della musica, infatti, è esattamente questo e può essere sintetizzato con una sola parola: verità.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra cui la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.