venerdì, 4 Dicembre, 2020
Il Parco Paranoico

Il Teatro Degli Orrori e tutto quello che rimane

Chi è mio fratello? Chi è mia sorella? Che ne sarà di loro?

Non ci sono più porte da oltrepassare, non perché siano state chiuse, ma perchè sono state cancellate; le hanno murate, in modo da tenere le persone, soprattutto i più giovani, ai margini della società, perennemente in bilico, senza alcun riferimento, nessun ideale, nessun sogno, se non quello dei soldi e del successo. Hanno tenuto aperto, infatti, solamente il varco artificiale, finto e drogato dei reality show, degli spettacoli televisivi, delle fake news, degli influencer e delle assurde ed omologanti tendenze dettate dalla rete globale. Giusto per far credere alle masse che è possibile farcela, che è possibile emergere.

Intanto questo paese, sotto la patina superficiale delle apparenze, dei riflettori, del marcio moralismo e delle storie Instagram, resta, esattamente, sempre lo stesso: un buco nero nel quale se cerchi di darti da fare seriamente, se rivendichi un lavoro dignitoso, se non sfrutti scorciatoie o sotterfugi, se tenti di raggiungere un obiettivo, se pensi di aver diritto ad un futuro, rischi di sprofondare per sempre e non riemergere più.

Se ormai persino i governi di sinistra perseguono, supinamente, politiche neoliberiste e liberticide, se i media continuano a gonfiare a dismisura il pericolo imminente dello straniero, del diverso, dell’alieno che ci invade per imporci i suoi costumi, le sue usanze, il suo stile di vita e soprattutto per portarci via quello che crediamo stupidamente di possedere – in modo da tenerci buoni e soggiogati, disposti ad ingoiare qualsiasi boccone amaro, qualsiasi sacrificio economico, qualsiasi restrizione delle libertà personali, pur di restare padroni a casa nostra – è ovvio, quasi scontato, che la paura, l’egoismo, il razzismo e la rabbia sociale diventino dilaganti.

Non ci rimane che assistere, impotenti, al funerale della speranza, riempirci di ansiolitici, droghe, alcool e altra merda simile e chiuderci nelle nostre innumerevoli e sterili solitudini, in un mondo individualista, asettico, insensibile e disturbato nel quale la menzogna diventa verità, il male diventa bene, la prepotenza diventa giustizia, l’incapacità diventa efficienza, la solidarietà diventa assistenzialismo, le ragioni diventano colpe, le parole diventano rumore . Eppure basterebbero poche parole per avere ancora un appiglio a cui aggrapparsi:

“Come stai?”

“Cosa cerchi?”

“Di che hai bisogno?”

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra cui la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.