mercoledì, 25 Novembre, 2020
Il Parco Paranoico

SPOOK O RAMA (The Best, 2 lp edition), Messer Chups

Alle ombre fosche ed inquietanti che, sempre più spesso, avvolgono il nostro mondo, i Messer Chups rispondono con le loro suadenti, acide ed accattivanti atmosfere sonore, a base di surf e garage rock, le quali si intrecciano a tutta una serie di immagini, di personaggi, di colori, di contrasti, di tematiche, di espressioni e di luoghi, tipici dell’arte e della cultura pop del secolo scorso. Il loro non è solamente un approccio romantico ed evasivo verso il passato, ma è il modo con cui vogliono mettere a nudo ciò che siamo diventati oggi; i mostri, molto più pericolosi, sanguinari, spietati e crudeli, che minacciano ed attanagliano la nostra realtà quotidiana e che ci spingono ad essere sempre più diffidenti, più ostili, più soli.

I continui richiami ai temi dell’horror-pop, a personaggi caratteristici come Dracula, Batman o Freddy Kruger, ma soprattutto la loro vivida ironia nel rappresentare l’assurdità e la stupidità del Male, sono le armi con le quali la band russa tenta di dare il suo ballabile, sfavillante e divertente contributo al risveglio di queste nostre coscienze tramortite, drogate ed assuefatte. Ecco, dunque, chi sono i veri zombi che se ne vanno in giro per questo mondo, senza preoccuparsi di ciò che accade loro attorno, di un pianeta che è sempre più inquinato e malato, di una società basata esclusivamente su politiche di stampo neo-liberista che non fanno altro che produrre emarginazione, odio, diseguaglianza, guerra, povertà e morte.

I riverberi delle chitarre, le sonorità rockabilly, gli effetti speciali, una linea sottile che parte dalla fredda San Pietroburgo e giunge alla solare California, senza dimenticare le colonne sonore dei così detti b-movie italiani degli anni Settanta o le pagine di grandi autori del brivido come Edgar Allan Poe o Bram Stoker, sono gli ingredienti fantasiosi con i quali i Messer Chups tentano di esorcizzare il male, di ridicolizzarlo, di metterne in evidenza le banalità che, puntualmente, incuranti di ciò che ci ha mostrato la recente storia del Novecento, tendono a ripresentarsi, sotto le mentite spoglie di verità assolute, dinanzi ai nostri occhi stanchi, tentando di sfruttare la superficialità dei tempi moderni per prendere nuovamente il controllo dei nostri pensieri e delle nostre azioni, cancellando quei sentimenti e quell’empatia che, invece, ci contraddistinguono come esseri umani e dei quali la band russa si fa valida portavoce.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.