mercoledì, 25 Novembre, 2020
Il Parco Paranoico

A Hero’s Death, Fontaines D.C.

Mik Brigante Sanseverino 4 Agosto, 2020 Dischi Nessun commento su A Hero’s Death, Fontaines D.C.

Come pensate possa essere la fine di un eroe? Gelida, vuota, buia, una stretta nichilista lunga circa 47 minuti attorno tutto ciò che pensiamo sia importante, ma che, invece, ha già il non-sapore della morte dentro di sé. Finchè apparterremo alle nostre vite iper-tecnologiche, alle nostre carriere aziendali, ai nostri simulacri social, non potrà che essere così. Ecco, allora, qual è lo scopo delle sonorità post-punk della band irlandese: riempire gli spazi e dimostrarci come la vita non debba essere necessariamente un vuoto glamour inutile e fascinoso, che vive di un presente perenne, ma possa anche prevedere l’esistenza di un futuro migliore, di un livello di soddisfazione ed appagazione diverso, che non sia quello del semplice consumatore.

I don’t belong to anyone“, apparteniamo solo a noi stessi, è questo il senso del nuovo album, “Dogrel” è alle spalle, la band ha saputo andare oltre la crisi interna seguita al successo di quel disco, ha messo da parte materiale di cui non era affatto convinta, le proprie frustrazioni ed ora è pronta a mettere in musica i suoi dubbi, tutti i grigi in cui, a volte, sembrano affogare le nostre giornate.

La guerra è persa quando rifiutiamo di combattere, perché il nemico che dobbiamo affrontare ci appare invincibile e davanti a noi non vediamo che una strada già segnata dall’oscurità più fitta, ma se solo guardassimo meglio, ci renderemmo conto che nel buio ci sono degli spiragli che si trasformano nel rumore distorto delle chitarre, nelle percussioni minacciose, nell’elettricità che tenta di plasmare il disordine interiore ed andare oltre quel muro di cinismo e dissociazione dietro il quale crediamo di dover proteggere la nostra fragile umanità. Ma così non facciamo altro che auto-distruggerci, i Fontaines D.C., invece, hanno compreso che la risposta più efficace è non aver paura dei momenti di disperazione, utilizzarli per incanalare le proprie energie più negative e dare vita alla loro musica, a ciò che sentono adesso, indipendentemente da quello che hanno fatto in passato, consapevoli della notte appena trascorsa, dei suoi silenzi, dei suoi tumulti, della luce che presto si diffonderà nel mondo.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.