giovedì, 22 Ottobre, 2020
Il Parco Paranoico

Monsters Eating People Eating Monsters…​, Frankie And The Witch Fingers

Dal magma ribollente della psichedelia californiana, Frankie And The Witch Fingers, plasmano questa creatura magnetica e passionale che ha tanto il sapore nostalgico degli anni Sessanta e dei viaggi ipnotici in pieno deserto, quanto quello scalpitante ed urgente delle sonorità stoner, funk e garage attuali. “Activate” spinge subito il piede sull’acceleratore perché così va il nostro mondo, facendo sì che la band possa mostrare tutto il suo vigore ancestrale e la sua energia psico-tribale, mentre la successiva “Reaper” ricrea quelle atmosfere lisergiche, meditative ed accattivanti nelle quali gli ascoltatori amano perdersi, utilizzandole per fare i conti con le proprie ossessioni, per sprofondare nel panico e poi pian, piano risorgere, come redivive fenici prog-rock, dalle ceneri ancora fumanti, profumate e graffianti di “Sweet Freak”.

Quando, finalmente, abbiamo sollevato il velo della grigia tristezza e possiamo ammirare la bellezza del mondo che ci sta attorno, la band fa sì che le ritmiche garage di “Where’s Your Reality” e “Simulator” prendano il sopravvento con i loro riff pressanti che si abbattono sui mostri, sugli incubi, sulle velleità e sulle fobie che, spesso, divorano le nostre esistenze, maciullandole, facendole a brandelli, riducendole ad una poltiglia insipida ed omologante che, alla fine, sputeranno via, una volta che è troppo consumata e non sanno più cosa farsene.

La band americana tenta di capovolgere la situazione a furia di martellamenti incisivi, di sferzate elettriche e di groove allucinogeni. La propria dedizione nel progetto assume i contorni di una eroica resistenza contro la violenza e l’intolleranza che domina i tempi moderni: “Cavehead” e la title track chiudono un disco vivace, la cui eterogeneità musicale è strettamente connessa ed intrecciata con l’eterogeneità propria degli esseri umani, con la loro capacità di superare le differenze e di fare della diversità un impulso creativo, piuttosto che un’assurda ossessione dietro cui si nascondono i mostri che vogliono solamente sfruttarci, consumarci ed infine gettarci via.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.