giovedì, 22 Ottobre, 2020
Il Parco Paranoico

Del Nostro Abbraccio Ostinato In Questa Crepa In Fondo Al Mare, Zidima

Volgere lo sguardo dentro di sè, ascoltare il rumore della propria solitudine e raccontarlo a chi ci sta attorno; a colui o colei che incrocia, anche solo per un attimo, il nostro sguardo e poi al mondo intero. Una narrazione, a tratti ossessiva, che attraverso le sue sette vicende umane, attraverso le sue vibranti trame noise rock, le unghie conficcate nell’hardcore più viscerale ed affamato degli anni Novanta, attraverso i malinconici flashback onirici e le sue martellanti e liberatorie accelerazioni, tenta di strappare via quella rete di protezione che, spesso, avvolgiamo attorno alla nostra inquietudine ed alle nostre piccole e grandi insoddisfazioni.

Una rete che è fatta di persone, di luoghi, di giorni, di cose che ci servono solamente a coprire il vuoto e soprattutto ad allontanarci da quelle che dovrebbero essere, invece, le scelte vere, le scelte pericolose, le scelte che metterebbero davvero in luce quella che è la nostra essenza. La band milanese riversa tutta la sua rabbia e le sue energie su questo vuoto disumano: le parole gridate, i momenti più meditativi e rarefatti, i riff taglienti, le ritmiche incalzanti, le esperienze di vita vissuta, un tracciato cardiaco che parte dai Sonic Youth ed arriva ai Massimo Volume, dai quali, a volte, hanno quasi il timore di staccarsi. Ogni sforzo è finalizzato a strappare via quei vuoti che ci impediscono di essere umani e che, come chiodi, penetrano nella carne viva e ci rubano le nostre emozioni, i nostri sentimenti, la nostra capacità di sognare.  

Ma, alla fine, ciò che conta è che non siamo più così soli, ci ritroviamo ad essere finalmente i protagonisti dei queste sette storie e non più i semplici spettatori/ascoltatori; abbiamo fatto nostre queste giornate agitate che gli Zidima hanno trasformato in veri e propri pugni contro il ventre molle ed assuefatto del sistema neoliberista che tenta, in tutti i modi possibili, di inculcarci la cultura della paura e farci sprofondare, di conseguenza, in quell’abisso di solitudine che poi vorrebbe farci riempire con cose, oggetti, soldi, idee, comportamenti, lunedì di merda, martedì di pioggia, mercoledì di morte, con i quali brama tenerci buoni e costantemente soggiogati. Ma per quanto tempo ancora dovremo ascoltare questa stessa canzone?

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Brigante Sanseverino, poeta, scrittore, ingegnere elettronico. Ha pubblicato "Il Covo Dei Briganti" (poesie), "Ultravioletto" (poesie) ed "Ummagumma" (favole del tempo andato). A breve verrà pubblicata la nuova raccolta di poesie "Per Dopo la Tempesta". Pubblica articoli di approfondimento musicale sia su "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it), che su "Indie For Bunnies" (http://www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.