domenica, 29 Novembre, 2020
Il Parco Paranoico

Adult Themes, Strangelight

Mik Brigante Sanseverino 27 Ottobre, 2020 Dischi Nessun commento su Adult Themes, Strangelight

Non è detto che il tempo debba per forza cancellare le nostre idee, a volte può aiutarle a maturare e ad acquisire sostanza e spessore, in modo che esse possano aiutarci a fare il punto della situazione, a comprendere meglio il nostro presente, ad accettare gli errori del passato e a produrre qualcosa di bello ed interessante. Gli Strangelight guardano alle atmosfere degli anni Novanta, soprattutto alle sonorità hardcore, punk e garage, le intrecciano ai problemi attuali: alla situazione politica mondiale, a quel senso di insicurezza ed oppressione che avvolge le nostre vite, nonostante i media, vecchi e nuovi, continuino imperterriti a propinarci i loro falsi modelli di felicità, perfezione e appagamento, i quali, però, si rivelano essere solo dei vicoli ciechi che non fanno altro che amplificare a dismisura tutte le nostre ansie e le nostre paranoie.

Nonostante, quindi, il forte legame col passato, queste dieci canzoni affondano nel torbido della nostra cruda realtà; ci rammentano tutto quello che abbiamo perduto, ma, allo stesso tempo, ci spronano, con sarcasmo, ad essere più lucidi, più svegli, più critici. Il tagliente ed essenziale spoken-word si innesta su ritmiche incisive e spigolose, su scorbutici riff di chitarra carichi di vigore, il cui obiettivo è liberarci dalle pressioni quotidiane, offrirci visuali più ampie e spingerci a sfruttare la tensione accumulata per vincere quella stanchezza e quell’apatia strettamente connesse al peso degli anni trascorsi, nonché alle delusioni ed alle sofferenze accumulate nel tempo.

La vita non è semplice, il più delle volte ti trovi davanti ostacoli invalicabili, ma accadono cose strane; può succedere che dei semplici demo, dopo una quindicina d’anni di silenzio, si trasformino in veri e propri brani e ciò può avvenire proprio in uno dei momenti più bui e negativi degli ultimi decenni, durante la fase del lockdown. La cosa più bella, però, è soprattutto l’energia che essi riescono a sprigionare, incuranti di ciò che è accaduto nel frattempo, del tutto affrancati da nostalgie passate, ma rivolti al presente, a ciò che siamo adesso, a ciò che proviamo ora. La vita continua ad essere dura, certo, ma noi continuiamo ad essere incazzati, a mettercela tutta e non farci spaventare da tutta la merda che può caderci addosso.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra cui la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.