sabato, Luglio 24, 2021
Il Parco Paranoico

Water For The Frogs, Hooveriii

Mik Brigante Sanseverino Marzo 12, 2021 Dischi Nessun commento su Water For The Frogs, Hooveriii

“Water For The Frogs” è un album solare ed in tempi così cupi e precari, come quelli attuali, è davvero una gradita sorpresa. Questi sette brani sono ricchi di riff appassionati e suadenti, di armoniose trame di matrice psichedelica e di ritmiche che sanno essere sia ipnotiche e riflessive, come in “Shooting Star” – sguardo sull’immensità d’un placido e splendente cielo stellato – sia frenetiche e vibranti, come nell’incisiva e turbolenta “Hang Em High”, sia pervase da un selvaggio ed indomito spirito tribale, come nella genuina e sincera “Erasure”.

Fuzz e ritmiche desertiche si intrecciano a sonorità progressive rock, krautrock e spaziali, oltrepassando i confini di questo stanco e caotico mondo, innalzandosi sulle gigantesche metropoli d’acciaio e cemento armato che abbiamo edificato, fregandosene dei confini, delle barriere, delle limitazioni, delle norme, di tutte quelle linee tratteggiate sulle cartine geografiche e dando vita ad una nuova e fantasiosa realtà. Una realtà nella quale Berlino è adagiata, beatamente, sotto il sole della California meridionale; una realtà nella quale, per andare sulla Luna, è sufficiente prendere un autobus elettrico; David Bowie è stato nominato governatore di Marte ed i vecchi bunker sono stati tutti trasformati in strabilianti laboratori alchemico-musicali nei quali il tempo è una variabile trascurabile e conta solamente improvvisare, sperimentare, costruire nuovi, affascinanti e melodici futuri.

Ma il nemico resta, nonostante la magia, i colori brillanti e le buone intenzioni, perennemente in agguato nell’ombra: il nemico è tutto ciò che intende solamente alimentare ed accrescere il nostro ego, iniettando veleno nei nostri pensieri, affogando i nostri sentimenti nel grasso e nel colesterolo, rubandoci il nostro prezioso tempo e trasformandoci in burattini asserviti al suo controllo.

Riusciremo, dunque, ad essere più forti dei mostri celati tra le piacevoli pieghe di “Control”? Riusciremo a ritrovare la luce e riprenderci il vero controllo, quello della nostra realtà, rendendola sempre più simile a quelli che, per ora, restano semplicemente dei sogni? Riusciremo a tornare o resteremo, per sempre, in quella dimensione di mezzo che pulsa tra le acide sonorità di “Gone”? In fondo è questa la parte più difficile per chi è andato via da così tanto tempo.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.