lunedì, Giugno 14, 2021
Il Parco Paranoico

Antigone, love me. I’m a liberal

Mik Brigante Sanseverino Maggio 9, 2021 Playlist Nessun commento su Antigone, love me. I’m a liberal

Eteocle e Polinice erano i due figli maschi nati dal rapporto incestuoso tra Edipo e Giocastra, due fratelli che combattevano l’uno contro l’altro per impadronirsi del trono di Tebe, per poi trovare, alla fine, entrambi la morte. Nemmeno l’oscura signora, però, riuscì a ristabilire un pacifico equilibrio tra i due, perché Creonte, zio e tiranno di Tebe, decise di concedere le esequie solo a Eteocle, ma non a Polinice, il cui corpo – per legge – non doveva essere seppellito.

A questo punto entrarono in scena le sorelle dei due, Antigone e Ismene: la seconda si dichiarò, sin da subito, rispettosa della legge e dell’ordine, intenzionata, di conseguenza, a non disubbidire alla volontà dello zio tiranno, mentre la prima scelse di opporsi al suo editto, perché, a suo giudizio, esisteva una legge di natura divina, una legge che affondava le proprie radici nel passato e nelle tradizioni più remote, la quale trascendeva qualsiasi ordinamento dello stato, qualsiasi potere politico, qualsiasi tribunale degli uomini.

Vi sono, dunque, di conseguenza, dei momenti nei quali è giusto decidere di non obbedire al potere costituito, anzi di opporsi apertamente ad esso e rivendicare il rispetto di quelle leggi che, come sosteneva Antigone, “non sono di oggi o di ieri, ma sempre vivono e nessuno sa da quando apparvero”.

Per la fanciulla coloro che ricevono l’ordine di rispettare una legge, non debbono subirlo e basta, ma debbono restare sempre liberi di aderire o meno a quel comando.

Probabilmente ciò non piacerà ai tutori dell’ordine e della disciplina, agli uomini in divisa, agli interpreti del paternalismo sociale e politico che domina i tempi attuali, il paternalismo delle chiusure inutili e dannose, dell’isolamento forzato, degli assurdi coprifuoco, della negazione generalizzata di tutti i diritti acquisiti, con decenni di lotte e di sacrifici, dalle generazioni passate, ad iniziare dal diritto all’istruzione, per passare al diritto al lavoro e finire proprio con quel diritto alla salute, nel nome del quale queste norme autoritarie e tiranniche vengono imposte da politici che, a ben vedere, sono solo uomini mediocri. Uomini mediocri che credono di poterla fare franca, mascherando le loro incapacità e la loro arroganza dietro queste norme che violano i diritti fondamentali delle persone, alle quali, di conseguenza, non resta che appellarsi ad un diritto inviolabile e moralmente legittimo, quello della resistenza.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.