venerdì, Settembre 24, 2021
Il Parco Paranoico

Avalanche, CLUSTERSUN

Mik Brigante Sanseverino Maggio 21, 2021 Dischi 1 commento su Avalanche, CLUSTERSUN

Al deserto dobbiamo la gratitudine del silenzio. Un silenzio fatto di sale, di solitudine e di sabbia; un silenzio sacro, che è un viaggio muto attraverso le nostre contraddizioni ed i nostri conflitti interiori; mostri ostinati ed invisibili che, agitandosi dentro di noi, fanno sì che il vaso di Pandora al rovescio, nel quale avevamo rinchiuso i nostri sogni e le nostre passioni, vada, finalmente, in frantumi, liberando il suo prezioso contenuto tra le morbide dune delle nostre anime inquiete, trasformandosi, di conseguenza, in quella scintilla primordiale e selvaggia dalla quale il fuoco liquido di “Desert Daze” può, nuovamente, espandersi ed invadere il mondo.

Un mondo di ombre ostili, rese ancora più malevole, morbose e minacciose dall’ultimo anno e mezzo trascorso tra assurdi lockdown ed impossibili quarantene; un mondo che ha la voce dei migranti, dei rifugiati, degli emarginati, delle guerre che si perdono in un passato remoto, crudele e rabbioso, che continua, sprezzante, a reclamare il suo prezzo di carne, di lacrime e di sangue; un mondo arido e contorto nel quale le sonorità oscure ed accattivanti, lisergiche e vibranti, selvagge ed introspettive di “Avalanche”, il nuovo album dei Clustersun, assumono il valore prezioso ed inestimabile della “fottuta pioggia” che lava, purifica e guarisce le nostre antiche, distopiche e disperate ferite.

Non sappiamo quanto tempo abbiamo a disposizione: questo, magari, potrebbe essere il congedo finale. Un congedo nel segno dell’alchimia tra le sonorità acide e visionarie di “Avalanche (Legion 5)”, quelle incalzanti e mordaci di “Barricades”, quelle morbide e nostalgiche di “Sinking In To You” e quelle amare e desertiche di “All Your Pain”, la quale assume i contorni di una preghiera eterna alla Luna; l’ultimo, amorevole tentativo di un indomito e ribelle Prometeo di rubare il fuoco agli dei, mentre, nel frattempo, ogni sua relazione sembra dover andare a rotoli, ogni suo rapporto interrompersi in modo brutale, le sue stesse costellazioni, quelle di “Closer/Deeper”, spegnersi velocemente, una dopo l’altra, accompagnate dalle grida fameliche e feroci dei suoi aguzzini, dei suoi carcerieri, dei suoi padroni, dei suoi temibili demoni interiori si fanno via, via sempre più insopportabili e penetranti.

“Juggernaut” sposta l’orizzonte verso i meandri misteriosi ed inesplorati dello space-rock, laddove ogni nostro riferimento materiale si sgretola, ogni percezione fisica svanisce, l’oblio cosmico divora i nostri resti mortali ed un filo incorporeo ed immateriale unisce la band catanese al pianoforte a coda della pinkfloydiana “Nobody Home”.

E’ così che deve finire? Mentre continuiamo a scalare, imperterriti ed ignari, questo gelido ed astioso muro di dolore?

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

1 Comment