giovedì, Agosto 5, 2021
Il Parco Paranoico

Better Days EP, A Distant Shore

Mik Brigante Sanseverino Giugno 18, 2021 Dischi Nessun commento su Better Days EP, A Distant Shore

Quali sono i nostri giorni migliori? Quelli nei quali le sfumature accattivanti e magnetiche dei synth incontrano le diluite e rarefatte trame delle chitarre, trasformandosi nel principale e più prezioso ingrediente che la band italiana utilizza per spalancare le porte del nostro inconscio e della nostra immaginazione. Porte dalle quali fuoriescono le nostre esperienze passate e tutti quei polverosi ricordi che lo scorrere del Tempo, spesso, altera, rendendoli più dolci e più spensierati di quanto essi fossero nella realtà; tutto ciò finisce per intrecciarsi con gli eterei ed accattivanti riverberi di “Downbrown”, con le armonie vocali di Giovanna Dazzi, con un mondo apparentemente pacifico e pervaso da luminose atmosfere shoegaze e dream-pop, sotto la cui superficie, però, le vibrazioni più oscure, più torbide e più malinconiche continuano a minacciarci, a insinuare dubbi nelle nostre esistenze, a rendere insicuri i nostri passi, a dare vita a pericolose crepe nel suadente muro di “Better Day”.  

Un improvviso rallentamento, una pausa, un luogo al quale desideriamo ritornare, un vecchio amico: il velo che separa la luce dal buio è davvero sottile e potremmo ritrovarci, senza rendercene assolutamente conto, a fare i conti con emozioni, sentimenti, eventi, fatti, stagioni, che pensavamo di aver seppellito, per sempre, in profondità, laddove né le nostre cervellotiche elaborazioni mentali, né i nostri istinti più selvaggi e primordiali, potessero arrivare.

Ma ciò non vale, ovviamente, per la musica, per il suo enorme potere evocativo; le quattro canzoni di questo EP, infatti, nonostante la morbidezza elettronica che le riveste, nonostante la dimensione indie-pop nella quale sono state concepite, esprimono, in fondo, il groove delle nostre anime inquiete, ossia un miscuglio di romanticismo e di nostalgia, di impazienza e di domande alle quali, purtroppo, non siamo in grado di dare una risposta. Non ci resta, dunque, che accettare questi nostri limiti, lasciarci trasportare da “Better Days” e lasciare che ogni giorno possa diventare davvero un giorno migliore.       

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.