lunedì, Ottobre 18, 2021
Il Parco Paranoico

Volevo Fare La Rockstar, Carmen Consoli

Mik Brigante Sanseverino Settembre 24, 2021 Dischi Nessun commento su Volevo Fare La Rockstar, Carmen Consoli

La memoria è avvenire, è lì che prende vita la nostra personalità; è lì che questo registratore di momenti conserva i nostri ricordi più intimi e significativi e tiene traccia, quindi, della nostra storia. Siamo il risultato di questi nostri ricordi, ma affinché essi possano divenire tali, è assolutamente necessario vivere e godere il proprio presente, prendendosi tutto il tempo che occorre per comprendere, per ascoltare, per spiegare, per crescere, per percepire ciò di cui siamo parte.

Ma oggi, purtroppo, questo non è possibile perché la rete virtuale che abbiamo costruito attorno a noi, alle nostre idee, ai nostri sentimenti, non è stata concepita per approfondire, per conoscere e per maturare, ma semplicemente per “suggerire” schemi, mode, teorie, regole e modelli che durano il tempo di un “like”, di una transizione Amazon, di una faccina sorridente o di qualche fotogramma pubblicato sul proprio social network preferito.

Abbiamo tolto dignità al tempo, lo abbiamo svuotato, rottamato, banalizzato, facendone un eterno e ripetitivo presente; un presente senza più ricordi, senza più memoria e quindi senza più dignità. “Volevo Fare La Rockstar” è un viaggio a ritroso nei ricordi individuali di Carmen Consoli, nei nostri ricordi, ma anche in quelli collettivi di un’intera generazione: ci sono il fragile sole di Novembre; il colore blu delle vecchie divise scolastiche; il sapore delle olive e quello della vaniglia; ma anche la “curiosità d’una ragazza irriverente”; la morbidezza verbale di Bob Dylan; le incoerenze costruttive di Franco Battiato; la nostalgia nei confronti di un mondo che tentava di proteggere i propri sogni, di custodire la propria Storia e di non cedere ai bluff ed alle promesse di un mago burlone di passaggio.

Quante volte lo abbiamo fatto? Quante volte siamo saliti sul suo carrozzone, accomodandoci, soddisfatti, tra Caino e l’uomo nero?

Queste dieci canzoni non sono una guida; non possono spiegarci come sfuggire ai tanti predatori e illusionisti moderni; non possono insegnarci come evitare di smarrirsi in una selva oscura o che qualcuno tenti di importi un copione già scritto. Queste canzoni tentano, semplicemente, di scavare dentro ciascuno di noi, uomini e donne di oggi e di domani, permettendoci di tirare fuori la nostra parte migliore, quella più autentica, quella che si muove più lentamente – proprio come fanno gli alberi – quella che si mette in discussione, che è pronta a scoprirsi, magari a cambiare, che non ha paura di precipitare se ciò significa salvare ciò che ci sta più a cuore, senza preoccuparsi se dovrà rincorrere qualcosa o qualcuno lungo una linea retta ed incontrarlo all’infinito.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.