lunedì, Ottobre 18, 2021
Il Parco Paranoico

Where Will You Go, Nina? EP, Marianna D’Ama

Mik Brigante Sanseverino Settembre 24, 2021 Dischi Nessun commento su Where Will You Go, Nina? EP, Marianna D’Ama

Un EP di quattro canzoni, in uscita a fine Ottobre, che esprimono tutto il naturale bisogno di ritrovare sé stessi e liberarsi da quelle ombre opprimenti che ci obbligano a sopravvivere nell’insicurezza e nel rimorso, proiettando, sullo schermo di un’esistenza che diviene sempre più scialba, nostalgica, patologica e priva di colori, sempre gli stessi errori, le stesse colpe, le stesse scelte sbagliate, spesso frutto delle nostre paure più irrazionali e dei nostri amori più torbidi e contorti.

Le melodie vocali di Marianna D’Ama, i suadenti e riflessivi riverberi delle sue trame in bilico tra il lato buono e quello cattivo della luna, tra pop elettronico e musica d’autore, le vibrazioni appassionate di synth e delle chitarre, nascondono, al di là dell’apparente armonia e della bellezza delle forme, un cammino catartico, il cui obiettivo è permetterci di estirpare, sia dalla nostra mente, che dai nostri cuori, tutti i detriti, le macerie e le minacciose e pericolanti rovine di un mondo che è sempre più atroce, più ostile, più moribondo e più infetto. Un mondo talmente corrotto da rovinare ogni nostro sogno futuro, da svuotare il presente di ogni interesse e ogni passione e rendere il passato una ferita perennemente aperta, dolorosa e sanguinante.

E’ necessario, dunque, allontanarsi; correre il più lontano possibile; oltrepassare mari e isole di debolezza; andare al di là di ogni labirinto di vergogna; attraversare i finti e menzogneri parchi gioco che tentano di rubare il nostro tempo, le nostre migliori energie, i nostri progetti, le nostre idee e la nostra determinazione.

E’ necessario recuperare la consapevolezza di ciò che siamo, della nostra razionalità e del nostro amore più concreto e sincero. Un amore che sia, finalmente, puro; un amore che risuoni libero da compromessi utilitaristici, da facili pregiudizi, da assurde fobie e da ogni mistificazione religiosa, politica, economica o sociale. Solo così ritroveremo i colori perduti; solo così Nina potrà sentirsi davvero completa; solo così troverà verso e direzione; solo così la luna mostrerà il suo lato più benevolo e più veritiero; solo così quella bambola inerme, vuota, impotente e eternamente spaventata, recupererà il proprio coraggio, la propria forza di volontà, il pieno controllo del proprio tempo e la propria preziosa anima.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.