lunedì, Ottobre 18, 2021
Il Parco Paranoico

Reboot System, Heat Fandango

Mik Brigante Sanseverino Ottobre 1, 2021 Dischi Nessun commento su Reboot System, Heat Fandango

Quante volte, a livello personale, siamo stati costretti a rinunciare a tutto quello che avevamo faticosamente ottenuto e a ricominciare da capo? A volte lo abbiamo fatto in maniera del tutto volontaria, semplicemente per rimetterci in gioco; altre volte per risollevarci dopo aver toccato il fondo; altre volte ancora a seguito di esperienze estremamente drammatiche e dolorose.

Oggi, la crisi pandemica ci ha mostrato come l’ottusa fissa del profitto a tutti i costi sia la causa principale di malfunzionamento del sistema neo-liberista che governa il mondo, il cui fallimento è dovuto soprattutto allo scollamento esistente tra il mercato, i suoi azzardi e le sue cieche speculazioni e quelle che sono, invece, le necessità, i sogni ed i bisogni dell’essere umano. Sicurezza, salute, benessere, famiglia, lavoro, libertà e la possibilità di poter godere a pieno del proprio tempo, senza che agenti esterni tentino di controllarlo, di sfruttarlo, di condizionarlo, di soggiogarlo a questo selvaggio sistema economico, il quale, ormai, non ha più alcuna regola, se non quella di rispondere agli interessi delle multinazionali e dell’alta finanza.

Le varie crisi economiche, i cambiamenti climatici, la crisi sanitaria mondiale, i nuovi e vecchi riverberi di odio, razzismo e violenza, sono ormai avvertimenti concreti che ci spingono ad agire, a dare inizio all’agognato e salvifico reset del sistema, perché non possiamo più illuderci di poter demandare a qualcun altro – magari alle generazioni future – la soluzione di problemi ed errori che stiamo continuando a creare adesso.

Il bisogno di prendere una nuova direzione, sia a livello personale – nella propria quotidianità – sia a livello collettivo, politico e sociale si riversa, con una cruda lettura della realtà, delle sue manie di grandezza, dei suoi falsi miti, dei suoi fragili eroi e dei suoi frenetici meccanismi di produzione e di consumo, nei nove brani di “Reboot System”.

Brani intrisi di urgenza punk e di sonorità garage e neo-psichedeliche, nei quali la band marchigiana ci sprona a tirare fuori la testa da sotto la sabbia, a guardare tutte le falle di questo sistema che ormai non ha più ragion d’essere e a intraprendere uno stile di vita completamente diverso. Le ritmiche ossessive e nevrotiche, le trame più rudi e taglienti e quelle, invece, più allucinate e soffocanti, le chitarre impulsive, la tendenza a muoversi lungo i bordi, sono funzionali ad una lettura diretta e senza veli di falsità ed ipocrisia del nostro presente, affinché possano emergere, in ciascuno di noi, quella consapevolezza e quel coraggio indispensabili quando si decide di cambiare la propria strada, il proprio orizzonte, le proprie abitudini, il corso degli eventi, il modo con cui intendiamo relazionarci con gli altri e con il mondo che ci circonda.

L’album, dunque, suona come una vera e propria esortazione a fare in fretta, al di là del suo apparente e sferzante pessimismo di facciata, c’è, quindi, un preciso e convinto messaggio di speranza.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.