lunedì, Ottobre 18, 2021
Il Parco Paranoico

Nails EP, God In A Black Suit

Mik Brigante Sanseverino Ottobre 5, 2021 Dischi Nessun commento su Nails EP, God In A Black Suit

Le trame oniriche e strumentali di “Alpha” fanno da preludio alle fluttuazioni di “Nails”, un vibrante intreccio di sonorità new wave, gotiche ed indie-rock incastonate in un raro e prezioso gioiello darkeggiante. Si tratta, appunto, di una gemma oscura, sospesa in una dimensione estranea ed estraniante, senza alcun riferimento spaziale o temporale, in attesa che qualcuno ne mostri l’inquietante e sinistra bellezza a questo nostro caotico e scomposto presente, consentendo, quindi, alle atmosfere più grezze e spigolose di “You Don’t Have The Time” di prendere il sopravvento fisico e sensoriale.

Un EP che esce dall’accattivante solco degli anni Ottanta, di ciò che abbiamo già vissuto, di ciò che abbiamo già sognato, abbeverandoci a quelle fonti di buia e introspettiva lucentezza che sono stati i Bauhaus, i Cure o Siouxsie And The Banshees, per poi dare un claustrofobico corpo sonoro ed una corrispondente rappresentazione visuale ed immaginifica, a tutti i turbamenti, le manie, le ossessioni, le ansie, le crisi geopolitiche, le catastrofi sociali, naturali, sanitarie ed economiche che sconvolgono, ormai, questo triste e periferico angolo di universo.

I colori, così come avviene nel video che accompagna il brano in oggetto, non potevano che manifestarsi ai nostri occhi come un caotico e malevolo susseguirsi di bianco e nero, mentre le nostre anime inquiete tentano di ritrovare il proprio cento di gravità e si rendono conto che ciò potrà avvenire solamente se riusciranno ad andare al di là delle paludi di immobilismo e false apparenze che contraddistinguono le nostre esistenze. E’ giunto, dunque, il momento di camminare verso un nuovo orizzonte, seguendo il groove e le trepidanti linee di basso di “Walk”, riscaldandosi nel ventre lunare di “Apart”, fondamentale punto di transizione per riappropriarsi delle proprie emozioni, delle proprie domande e di tutti quei dubbi che ci consentono di crescere e migliorare, chiudendo, idealmente e musicalmente, il cerchio della vita e ritrovando così un suadente principio dopo ogni fine.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.