sabato, Dicembre 4, 2021
Il Parco Paranoico

Expressions Of Interest, Screensaver

Mik Brigante Sanseverino Novembre 4, 2021 Dischi Nessun commento su Expressions Of Interest, Screensaver

Benvenuti nella dimensione nevrotica e paranoica nella quale regnano i sintetizzatori e queste convulse e maniacali sonorità post-punk che ricordano da vicino gli anni Ottanta: è un mondo strano quello nel quale ci stiamo addentrando; un mondo dove chi ha troppo esige ancora di più e chi ha poco deve cedere, necessariamente, tutto quello che ha; e intanto non importa se le foreste si trasformano in aridi deserti, se i mari diventano cimiteri, se la plastica ci travolge, se gli equilibri della natura vengono pericolosamente alterati, se spuntano ovunque muri, barriere e divieti, mentre un virus invisibile è libero di girare come più gli aggrada, mietendo ovunque vittime e rendendoci ancora più schizofrenici, diffidenti e cattivi.

“Expressions Of Interest” è una finestra completamente spalancata su questo mondo strano e ostile, sulle sue insicurezze e sui suoi dubbi, i quali si trasformano nella materia prima con cui la band australiana disegna le sue ritmiche spigolose, decadenti e minimali, perfettamente in bilico tra atmosfere punk e new wave, passando dalle ossessive trame di “Overnight Low” alle micidiali e sintetiche invettive anti-sistema di “Buy/Sell/Trade”. 

Un mondo, però, che se lo guardiamo meglio, se riusciamo ad andare un po’ più in là del nostro individualismo, della smania di possesso nei confronti dell’ultimo modello di smartphone o del tempo che sprechiamo, inutilmente, in rete, nutrendoci di merda virtuale e menzognera che non fa altro che annebbiarci la mente e rivestire i nostri cuori di colesterolo cattivo, ci renderemo conto che non è poi chissà quanto diverso dal nostro. Un mondo che è sempre più un cumulo di macerie; “Regular Hours” è il quadro vivido delle nostre vili e misere esistenze; “No Movement” è il triste risultato della nostra incapacità e della nostra arrogante ignavia; “MEDS” è espressione della paura che ci consuma; “Soft Landing” è, purtroppo, l’inevitabile fine del mondo, del nostro fottuto mondo. Quindi, miei cari, è il momento di scrollarsi di dosso queste fobie, di uscire dal tunnel di noia nel quale ci siamo nascosti e prendere il meglio di tutto quello che ci sta attorno, di tutto quello che è stato il nostro passato, di tutto quello che deve essere il nostro futuro.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.