mercoledì, Dicembre 1, 2021
Il Parco Paranoico

In The Time Of The Sabre-Toothed Tiger, Power Supply

Siamo un miscuglio disordinato e imprevedibile di emozioni, di idee, di misticismo e di passione, di razionalità e d’istinto: questa è la nostra grandezza e, allo stesso tempo, la nostra fragilità. Tentare, a tutti i costi, di omologarsi a modelli e schemi comportamentali unici, non potrà mai renderci felici, nonostante tutti i vantaggi materiali che possono derivare da queste piatte, opportunistiche e grigie scelte di vita.

Il garage-rock della band australiana nasce, in pratica, da questo intrinseco bisogno di purezza, di genuinità e di freschezza, le quali, in questi tempi moderni – intrisi di tecnologia, di politiche neo-liberiste e di canoni estetici assolutamente finti e virtuali – sono state, purtroppo, cancellate, rendendoci tutti cloni di una medesima creatura; una creatura caratterizzata non dalla sua umanità, ma dall’essere, contemporaneamente, produttrice e consumatrice di beni e di prodotti. 

Dov’è finita, quindi, la voglia e la necessità di entrare in contatto con le persone e soprattutto con i loro cuori e con le loro anime? Dov’è finita la poesia crudele e spietata, vibrante e visionaria, compassionevole e misericordiosa di Lou Reed?

Viviamo un’epoca nella quale, molto probabilmente, la cosa che più ci manca è la normalità; normalità che cerchiamo, inutilmente, nell’evasione verso mondi irreali, artificiali e paranoici che scompaiono in un attimo, non appena stacchiamo il cavo di rete o spegniamo il modem. Ed invece la normalità che cerchiamo è tutt’intorno a noi: nei riverberi crepuscolari di “Smiwwing In A Bathful Of Ghosts”; nelle ritmiche ipnotiche e visionarie di “Infinity”; nelle spigolose e punkeggianti aritmie di “Conservative Instincts”; nelle ampie e luminose aperture di “Infinity And 90”; nell’umorismo salvifico che aleggia in tutto il disco, cercando di rubarci un sorriso, di spronarci a essere noi stessi, a ritrovare la spensieratezza e la spontaneità dei bambini, senza lasciarsi intimorire dalla pioggia acida, dai soliti sguardi ostili, dai soliti indici puntati contro di noi, dalle solite minacciose parole cariche di bile, rabbia e frustrazione, dai soliti cinici ingranaggi di potere e di successo, i quali costituiscono la droga più forte, la droga più nociva, la droga più distruttiva, la droga più mortale, con cui possiamo entrare in contatto. 

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.