venerdì, Giugno 14, 2024
Il Parco Paranoico

Blur @ Lucca Summer Festival 22/07/23

Mik Brigante Sanseverino Luglio 25, 2023 Eventi Nessun commento su Blur @ Lucca Summer Festival 22/07/23

Queste venti canzoni hanno potere, un potere che, ormai, prescinde la stessa band e l’inesauribile Damon Albarn, persino gli anni Novanta, indossati come fossero una comoda tuta Fila, perché raccontano una storia di amicizia, di passione, di nevrotico indie-rock, di ammiccamenti pop, di intemperanze punk, di oscillazioni dance, capaci di ampliare il ristretto contesto sonoro, temporale e geografico del britpop e mettere, al centro del nuovo album ed anche di questi show, la propria semplicità e i propri dubbi, al di là degli slogan e dei luoghi comuni che, all’epoca, accompagnarono, orgogliosamente, quella moda sciocca e fasulla che i media battezzarono come “cool Britannia”.

Oggi, invece, al di là dei facili sorrisi, delle grida o degli smartphone impegnati a catturare qualche immagine o qualche video, ci sono i dubbi e le domande di questi quattro cinquantenni riguardo ai propri sentimenti, al modo con cui lo scorrere del tempo li intacca, li corrode ed, a volte, li corrompe, trasformandoli in qualcos’altro. Certo vi sono i momenti abbaglianti di “Popscene”, “Beetlebum” o l’intramontabile “Girls & Boys”, alle quali fanno da contraltare dei passaggi più intimi, “Tender” è umana e corale e sembra, quasi, voler fare a pugni con quella che è stata una organizzazione dello spettacolo decisamente brutale e per nulla interessata al benessere delle persone.

Ci siamo divertiti, certo, abbiamo, idealmente, connesso generazioni diverse, abbiamo invertito lo scorrere del tempo, riattivando centri nervosi dimenticati, ma non è possibile tacere sulla scorrettezza dei famosi token obbligatori e non rimborsabili, acquistabili solamente in pacchetti prestabiliti di 5 e multipli di 5; non è possibile tacere sul fatto che solo in quell’area, denominata come “pit”, era possibile avere una visuale “umana” dello show, perché gli schermi presenti, ai lati del palco, erano assolutamente ridicoli; per non parlare, infine, dei sovrapprezzi che, dalle t-shirt alle birre alla spina, ci rammentavano, se per caso l’avessimo scordato, come funziona e come vogliono che continui a funzionare, oggi, la nostra società del debito.

Meglio rifugiarsi, allora, in quel miscuglio di nostalgia, di sano divertimento, di sottile ironia, di sensuale romanticismo che offrono i Blur, un’energia più forte di qualsiasi blocco, di qualsiasi pausa, di qualsiasi sospensione, perché le onde sonore, mentali e spirituali sotto, sotto continuano a diffondersi, ad essere dense di contenuti e a nutrirsi di quei sentimenti dei quali, a volte, non siamo più nemmeno consapevoli, ma che, fortunatamente, continuano ad essere parte attiva del nostro inconscio, dei nostri interrogativi, delle nostre sensazioni.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.